Gonnosfanadiga, la rabbia di una giovane: “Prima colonscopia per mio padre malato e invalido? A settembre”

Due visite importanti, “una endogastroduendoscopia e una colonscopia”, alle quali si deve sottoporre un sessantatreenne di Gonnosfanadiga, Leonardo Pili. Le prime date libere a disposizione per incontrare i dottori e sottoporsi ai due esami, però, non sono proprio dietro l’angolo: “Prima di settembre nulla da fare”. A parlare è la figlia dell’anziano, Amelia. Dopo aver ricevuto la telefonata con la quale il padre le ha comunicato un’attesa, nei fatti, di otto mesi, si è messa a navigare su internet per cercare di trovare qualche soluzione: “Mio padre è stato all’Assl di Guspini, lì gli hanno comunicato che le prime date libere sono solo alla fine dell’estate e, sconsolato, non ha nemmeno chiesto in quali ospedali. Potremmo farle a pagamento, ma partirebbero all’incirca quattrocento euro. È una beffa”, tuona la trentenne, “papà è stato colpito da un infarto lo scorso maggio ed ha dovuto lasciare il suo posto di lavoro, vendeva mobili. Gli è stata riconosciuta un’invalidità del settantacinque per cento e prende, spicciolo più spicciolo meno, trecento euro al mese di pensione. È anche diabetico e soffre di anemia. Alla fine, saremmo costretti a pagare per queste due visite, togliendo i soldi pure da sotto i sassi. Non siamo mica ricchi, anzi”, osserva la giovane.

 

“Sono costretta a pagarmi di tasca mia anche tutte le visite di controllo per mio figlio, pur di non aspettare mesi e mesi. Venerdì scorso ho cercato di contattare tutta la mattina il Cup dell’Assl, ma il numero di telefono era sempre e inesorabilmente occupato. Con la salute non si scherza. Non è per niente giusto che i cittadini debbano pagare fior di quattrini se non vogliono aspettare i tempi, a volte vergognosi, della sanità”.

L'articolo Gonnosfanadiga, la rabbia di una giovane: “Prima colonscopia per mio padre malato e invalido? A settembre” proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu On Line

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon