Sant’Antonio Abate e i fuochi sacri della Sardegna: una tradizione millenaria

Venerdì scorso, come previsto, un convegno ha preceduto la giornata dei Fuochi Sacri in tutta la Sardegna. Condotta dalle associazioni: Quadrifoglio Karalis, S’Urtzu e Sa Mamulada, Pixel multimedia, Kama Eventi la due giorni è iniziata con un convegno all’Hostel Marina, in quel di Cagliari, un dibattito di ottimo livello che ha coinvolto i presenti su alcuni aspetti della figura di Sant’Antonio dei fuochi e delle millenarie tradizioni.

“Partendo dalla simbologia del fuoco nella sacra scrittura e nei contesti religiosi precristiani, l’evento ha presentato le fasi di passaggio dai riti del fuoco connessi alla devozione a Sant’Antonio abate alla liturgia della chiesa dalla quaresima e alla Pasqua di cui il fuoco è elemento caratterizzante – spiega Ignazio Boi- Ha messo poi in evidenza i diversi aspetti legati agli effetti del fuoco (distruzione-purificazione-teofania-giudizio) evidenziando il dualismo morte-vita di cui la risurrezione di Cristo è massima espressione.”

Tra i relatori, Dennis Pietro Mura: “A Seui i fuochi di Sant’Antonio e San Sebastiano proprio perché a cavallo tra le due date dedicate ai due santi. In tale occasione ci sarà l’uscita più importante della maschera di Seui s’urtzu e sa Mamulada che porta un fallo in processione detto Santrecoru. Inutile negare lo sfondo orgiastico e pagano di questa tradizione che Seui più di altri paesi ha mantenuto, compresi i giochi erotici ad evidente sfondo sessuale come sa matta de su cuccutzulloni che si facevano durante i falò. D’obbligo fare dei riferimento in tal proposito al membro virile evirato di Urano, o ai falli conservati a Pompei con dei campanellini appesi con la funzione di scaccia pensieri, o al mito di Osiride, ma cosa sicuramente più interessante è il fatto che Seui mantiene ancora il nome di questa antica divinità che in sardo è proprio Pitanu, Uranu di cui appunto sopra citato”.

Altri interventi ed autorevoli contributi hanno dato una lettura dell’evento, fra domande e confronto fra diverse opinioni e curiosità. Il caldo dei fuochi è nulla rispetto al calore che trasmette una ricorrenza millenaria in tanti, tantissimi, paesi della nostra isola. Inutile leggerne, ascoltare i resoconti, vedere immagini o filmati, viverlo è ben diverso esserci solo quello dà il senso dell’eccezionalità. Ieri a Seui, tra preparativi ed emozioni, per la preparazione dei falò “nei vari fuochi” questi saranno accesi all’imbrunire nel rispetto delle tradizioni e portato in spalla dalla Maschera del paese Su Santrecoru il santo della fertilità. E, oggi cercheremmo di raccontarlo.

 

L'articolo Sant’Antonio Abate e i fuochi sacri della Sardegna: una tradizione millenaria proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu On Line

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon