Viaggio interattivo tra i Tenores

 © ANSA

DI ROBERTO MURGIA

Ritrovarsi tra le vie di Bitti ad ascoltare i canti a tenore e ad improvvisare i passi di 'su ballu lestru', 'su dillu' e 'su passu torrau'. Come è possibile? Basta andare al Museo multimediale del Canto a Tenore del paese della Barbagia, che nella sua versione rinnovata sarà inaugurato mercoledì 15 gennaio alle 18. Rinnovata significa "sempre più interattiva" grazie a nuove tecnologie capaci di trasformare una visita convenzionale in un viaggio esperienziale in quattro ambienti diversi: Sala Tenores Interattivi, Sala Cantos e Ballos, Aula didattica interattiva, I luoghi del canto con Visore Oculus.

Nella prima sala, ad esempio, si possono selezionare diversi gruppi di tenores attraverso un touch pad. Scelto uno, compariranno i quattro cantori su quattro mega schermi verticali disposti attorno al visitatore per ottenere un effetto audio visivo avvolgente. Nella sala dedicata ai balli, invece, c'è una pedana dove il visitatore è invitato a imitare i passi all'interno della struttura fonico-ritmica dell'esecuzione. Il sistema digitale interattivo rileva i passi e le posture del ballerino-visitatore, e attribuisce un punteggio che compare in tempo reale creando una dinamica di messa alla prova condivisa.

Il progetto, finanziato con 120mila euro del Por Fesr 2014-2020, è promosso da Mommotty Srl, giovane casa di produzione cagliaritana attiva nel mondo dell'audiovisivo e del cinema, Istelai, società cooperativa che opera nel settore del recupero delle tradizioni di Bitti ed è gestore del Museo, e Produzioni Sardegna di Nicole Nieddu, ditta specializzata nelle produzioni audiovisive e multimediali e nell'organizzazione e gestione di eventi di carattere culturale e folkloristico. La direzione artistica è di Francesco Casu, mentre Marco Lutzu è il responsabile scientifico del progetto. Entrambi hanno partecipato all'Assessorato regionale della Cultura alla presentazione della nuova "Domo" del Museo.

"Si articolerà in un percorso immersivo e interattivo - ha spiegato Casu - dove il visitatore al contempo farà esperienza del canto, comprendendone il linguaggio fonico, ritmico e le strutture musicali, saperi tramandati oralmente in una continua pratica di apprendistato diretto". "I visitatori - ha aggiunto Lutzu - scopriranno la storia e le peculiarità musicali del canto a tenore, il suo rapporto con la poesia e con la danza, l'importanza sociale che questo affascinante genere di canto riveste a Bitti e in tutte le comunità dell'isola in cui viene ancora oggi praticato". Per il sindaco Giuseppe Ciccolini, "Bitti si conferma punto di riferimento importantissimo per la valorizzazione del canto a tenore. Questo intervento è un primo passo che ci porterà all'apertura, entro i prossimi 12-15 mesi, di un polo museale dedicato alle sonorità e dove l'antico canto dei pastori avrà un ruolo centrale".

Fonte: Ansa

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon