“Edicole in crisi a Cagliari, cinesi e indiani vogliono prenderle per vendere anche souvenir” 

La chiusura della storica edicola sotto il Bastione di Saint Remy è solo l’ultima croce che riguarda un settore, quello della vendita di quotidiani e riviste, in crisi da un po’ di tempo. In via Roma a Cagliari, già da qualche mese, un ragazzo straniero ha preso in affitto il chiosco davanti a via Baylle. I giornali ci sono sempre, ma la maggior parte dello spazio è riempito da souvenir, calamite e cartoline. E i turisti, in molti casi, ringraziano. Un’altra edicola che sta per scomparire, salvo “miracoli”, è quella di via Santa Margherita a Stampace, gestita da decenni da Vasco Cogotti. La zona è frequentatissima, ogni giorno centinaia di universitari passano accanto al chiosco per raggiungere le varie facoltà, e sino a qualche tempo fa, molti pazienti del San Giovanni di Dio facevano incetta di biglietti dell’autobus e riviste. Adesso, però, gli affari “non vanno bene”. E Cogotti, a 58 anni, sta provando a liberarsi di quello che, da fonte di reddito, è ormai diventato un peso: “Fosse per me l’avrei venduta già da anni, ora sto cercando di affittarla a mille euro al mese. Ultimamente, mi sono solo arrivate richieste da parte di cinesi e indiani, interessato a trasformarla o in una rivendita di souvenir, sostituendo dunque la vendita ambulante con quella effettuata in un posto fisso, o proponendo cibi e bevande”. Al momento, però, questo restyling è “impossibile, perché il Comune ha dato questi chioschi per vendere riviste e non si può svolgere nessun’altra attività commerciale”. Però, c’è un però: “Alla Camera di commercio basta specificare se si vende, o meno, del cibo. Quindi, oltre a giornali o riviste si possono proporre anche altri oggetti”. Tempi che cambiano, quindi, e edicolanti che scelgono o di rinnovarsi o di passare la mano: “Il peccato originale è stato fatto da Bersani, quando liberalizzó la vendita di giornali e riviste”, osserva Cogotti, “le vendite hanno subito un calo. A fronte della chiusura di molte edicole, si stanno facendo avanti sia italiani sia stranieri interessati a gestirle per vendere di tutto”. Non solo giornali, insomma. E, anche se c’è lo “scoglio” della destinazione d’uso, il “salvagente” per trasformare i chioschi arriva “dall’assenza delle tabelle merceologiche. Basta comunicare al Comune cosa si intende vendere oltre ai giornali”.

Fonte: Casteddu On Line

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon