Mega polo commerciale ad Assemini, esplode la polemica: “Stop alla grande distribuzione”

Tripla interrogazione: una in consiglio regionale, la seconda alla Città metropolitana e l’altra a palazzo Bacaredda. Tutti contro il mega polo commerciale previsto ad Assemini. E’ di qualche giorno fa la notizia di una richiesta presentata a ottobre 2019, alla Regione Sardegna, di Valutazione di Impatto Ambientale per la realizzazione di un nuovo centro commerciale, in agro di Assemini, articolato su un’area di circa 224 mila mq. che prevede tre grandi strutture di vendita, di cui una con generi alimentari, due non alimentari, dieci medie strutture non alimentari, una galleria commerciale con 41 negozi e inoltre aree dedicate alla ristorazione e ai giochi.

E’ stata presentata un’interrogazione al Sindaco di Cagliari e della Città Metropolitana di Cagliari, primi firmatari la consigliera Marzia Cilloccu e il consigliere Guido Portoghese, e una interrogazione in Regione al Presidente Solinas, primo firmatario il consigliere Roberto Deriu, per sapere se siano a conoscenza della richiesta di realizzazione di una nuova GDO alle porte della città nonché all’interno della pertinenza della Città metropolitana di Cagliari e quali siano i loro intendimenti in merito alla nascita di nuovi centri commerciali nell’area vasta del capoluogo della Regione Sardegna.

Riferiscono gli interroganti “Siamo preoccupati, e in questo senso si sono già espressi anche alcuni rappresentanti di associazioni di categoria e consorzi cittadini, per gli effetti negativi che sicuramente provocherebbe un nuovo complesso commerciale sul tessuto socio economico del commercio cittadino, già messo a dura prova dalle GDO esistenti, autorizzate senza alcuna pianificazione più di dieci anni fa, con il risultato di aver dato vita a una concentrazione dell’offerta commerciale che risulta di fatto una barriera per i flussi di clientela proveniente dall’hinterland e il conseguente ulteriore indebolimento a Cagliari dell’attrattività del commercio di vicinato e delle botteghe storiche, artigianali e di tutto il comparto commerciale del centro e delle periferie in generale, agroalimentare compreso”.

Nelle interrogazioni viene dichiarato l’auspicio che venga fatto un nuovo accordo con tutti i portatori d’interesse con precisi impegni in merito alle strutture GDO ad integrazione del percorso di pianificazione partecipata del Piano strategico per lo sviluppo economico, ambientale e sociale del territorio metropolitano e dei suoi 17 Comuni avviato a Dicembre 2019 con il primo “Forum strategico della Città Metropolitana di Cagliari”. Visto anche l’impegno del Sindaco nelle sue dichiarazioni programmatiche “in difesa del commercio per il suo rilancio, quello dell’artigianato e dei mercati civici cittadini” e visto il protocollo d’intesa firmato con Confcommercio sud Sardegna in relazione al “rilancio socio-economico della città e del suo territorio, facilitando la collaborazione fra gli attori coinvolti nelle trasformazioni urbane per migliorare il benessere dei cittadini e rafforzare il tessuto imprenditoriale”  e ancora per “promuovere l’attenzione verso i sistemi commerciali urbani, rafforzare l’attività di formazione e informazione sui temi della città, del terziario di mercato e delle opportunità europee, sostenere politiche che garantiscano un quadro certo di risorse locali e nazionali dedicate alle città e ai territori”.

“Diversamente – dichiara la consigliera Cilloccu – sarebbe come aver voluto impegnarsi solo a parole e non in azioni concrete per la salvaguardia dei posti di lavoro legati al commercio di vicinato e a tutto l’indotto in termini di tutela della qualità sociale e della ricaduta economica e lavorativa generato dalle attività commerciali e artigianali del capoluogo e di tutta l’area vasta”.

 

L'articolo Mega polo commerciale ad Assemini, esplode la polemica: “Stop alla grande distribuzione” proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu On Line

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon