Ales ricorda “Peppinetto” Boy: mostra a Casa Gramsci

Ales ricorda “Peppinetto” Boy: mostra a Casa Gramsci
I suoi quadri saranno esposti fino a gennaio a vent’anni dalla sua scomparsa

Gli amici dell’artista Giuseppe “Peppinetto” Boy, in occasione del suo XX anniversario dalla sua scomparsa, presentano una selezione dei suoi quadri ad Ales. La mostra verrà inaugurata stasera, alle 19, nella Casa Gramsci in corso Cattedrale 14, e rimarrà aperta sino al 6 gennaio. L’evento è in collaborazione con l’amministrazione comunale del paese e dal gruppo di amici legati all’artista e alla sua memoria.

Chi era Giuseppe Boy. Giuseppe Boy, noto “Peppinetto”, nacque ad Oristano il 6 dicembre 1932. Cresciuto ad Ales, paese natale della madre Luigina Garau, si trasferì ad Ales il 22 luglio del 1933, con tutta la famiglia, dopo la morte del padre Salvino. Fin da bambino dimostrò particolare attitudine ed attrazione per tutto ciò che riguardava le arti figurative. Il territorio locale ha contribuito in modo decisivo alla sua formazione, per le sue bellezze naturali e i ruderi dei nuraghi dei dintorni, che hanno sempre esercitato un certo fascino nel mondo della sua fantasia. Da intagliatore di mobili in una falegnameria di paese, all’apprendimento da autodidatta all’uso dei colori fino allo studio della calligrafia, Peppinetto Boy iniziò una carriera dedita all’arte.

Nel 1951 si trasferì poi a Cagliari con la famiglia. Qui, a soli diciotto anni, si affermò come cartellonista nella società A.P.P.I.A., l’agenzia di pubblicità di Fernando Sessini; allo stesso tempo svolse l’attività di scenografo per il teatro Massimo. Numerosi i marchi da lui studiati e realizzati.

Nel 1955 l’allora vescovo di Ales, mons. Antonio Tedde, gli affidò l’incarico di affrescare la cupola della Cattedrale di Ales, opera portata a compimento durante l’autunno del 1956. Dal 1960 al 1992 è stato impiegato dell’Ente Autonomo del Flumendosa, dove ha svolto le mansioni di disegnatore-progettista. Nel 1970 all’età di 38 anni, conseguì il diploma al liceo artistico statale di Cagliari. Si dedicò a lavori di progettazione tecnica in campo edile e di rilevamento topografico; in quest’ultima specializzazione ebbe incarichi dal soprintendente alle antichità archeologiche il prof. Barreca. Grazie a lui, gli venne conferita dal ministero la nomina di ispettore onorario per i beni ambientali, culturali e monumentali del territorio regionale.

Questo interesse per l’archeologia, portò Peppinetto Boy allo studio del passato, compresi gli usi e costumi di grandi civiltà antiche ma anche di quelle locali. Iniziò ad indagare, con l’aiuto della madre, sulle curiosità e particolarità dell’antica cucina sarda, annotando e apprendendo come preparare piatti dell’Alta Marmilla ormai caduti in disuso e dei quali si rischiava di perdere ogni ricordo.

Nel 1994, tenne un corso regionale presso l’IS.FOR.COOP. ad Ales, sull’arte culinaria nell’Alta Marmilla. Nel 1995 eseguì le decorazioni e gli affreschi delle cappelle minori nella chiesa S. Maria Maddalena a Morgongiori. Dal 1996 al 1997 ha lavorato al restauro dei finti marmi nella Cattedrale di Ales.

Da diversi anni lavorava ad Ales nel suo studio di via Mons. Pilo (di fronte alla Cattedrale), che aveva sottoposto a fedele restauro conservativo, ulteriore esempio di una sensibilità alla conservazione dei beni culturali della memoria locale. Morì a Cagliari il 27 Dicembre 1999.

Venerdì, 27 dicembre 2019

L'articolo Ales ricorda “Peppinetto” Boy: mostra a Casa Gramsci sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon