L’appello dei pazienti: “Non chiudete Diabetologia al San Giovanni di Dio, non toglieteci la dottoressa”

Già da tempo diversi iscritti ci chiedono con insistenza sulle voci circolanti sulla prossima chiusura del servizio diabetologico del San Giovanni di Dio a Cagliari e del trasferimento dello stesso al Policlinico di Monserrato. Non sappiamo dare risposte garantite a queste domande ripetute ed anche nel tempo perché non abbiamo avuto notizie ufficiali in merito, nonostante ci sia stato il pensionamento del responsabile dott. Contini e da parte del nuovo dott. Efisio Cossu non ci sia stata nessuna comunicazione ufficiale.

Le poche cose che sappiamo, e che conosciamo per esperienza diretta dei nostri iscritti, è che l’attuale servizio del San Giovanni fornisce assistenza a circa 4500 pazienti, ognuno dei quali ha la stessa diabetologa come medico di riferimento (attualmente sono presenti 4 medici diabetologi) che conosce la storia della persona e i suoi progressi nell’affrontare una malattia che lo accompagnerà nel corso della propria vita. Nel servizio è attivo un ambulatorio infermieristico il cui scopo e quello di occuparsi della parte educativa relativa ad autocontrollo, terapia insulinica e tecnologia, tutti aspetti importanti nella gestione del diabete. Da sempre l’utenza può inoltre usufruire dell’intervento delle dietiste, figure professionali fondamentali nel percorso alimentare più adatto alle esigenze dei pazienti, a seconda delle diverse situazioni che ognuno attraversa nella propria vita. Ci chiediamo se una volta trasferito il servizio del San Giovanni al Policlinico, le modalità organizzative rimangano le stesse o, se quanto già sperimentato dalle persone che vi accedono, verrà meno. In questo caso, al problema della logistica, che potrebbe essere superato sfruttando i mezzi di trasporto a disposizione (ma sarà vero cosi per tutti?) si aggiungerebbe un problema di continuità assistenziale, fondamentale nel percorso non sempre lineare delle persone che hanno una malattia cronica. Avere il diabete implica per le persone (molte delle quali anziane), ad accedere continuativamente al servizio di diabetologia, sia per le visite periodiche che per tutte le situazioni legate alla gestione della malattia. Ecco perché l’Associazione Diabete Zero, a nome di tutte le persone con diabete, rivendica l’importanza di mantenere l’assistenza diabetologica nel cuore di Cagliari, dove si possa coordinare con gli altri specialisti creando un ospedale diurno che serva la città e l’hinterland, vista la vocazione di non più ospedale con degenze ma di un grande ambulatorio.

Il Presidente “Diabete Zero” FRANCESCO PILI

L'articolo L’appello dei pazienti: “Non chiudete Diabetologia al San Giovanni di Dio, non toglieteci la dottoressa” proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu On Line

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon