Arriva l’Acchiappabulli: l’app ideata dai ricercatori dell’Università di Cagliari segnala atti di violenza e soprusi

Ingegneria del presente e del futuro. Gian Luca Marcialis (docente di Ingegneria industriale e dell’informazione al Diee, Dipartimento ingegneria elettrica ed elettronica, Università di Cagliari) è il responsabile scientifico dell’unità cagliaritana del progetto “BullyBuster – A framework for bullying and cyberbullying action detection by computer vision and artificial intelligence methods and algorithms”. Finanziato con 1.056.819,14 euro, il massimo importo ammissibile, dal Miur (Ministero istruzione, università e ricerca) il progetto è basato sull’intelligenza artificiale e, se necessario, può allertare anche le forze dell’ordine. Tutti e quattro i gruppi hanno ottenuto per i tre anni di ricerca il massimo dei fondi (bando Prin, Progetti ricerca interesse nazionale). Al gruppo guidato dal professor Marcialis sono andati 195.576 euro.  La “Federico II” di Napoli (capofila, responsabile Carlo Sansone), ha avuto 246.091,14 euro, l’Università di Bari (Donato Impedovo) ha avuto 222.481 mentre l’ateneo di Foggia (Donatella Curtotti) ne ha a disposizione 185.845.

Piaga sociale. L’app per cellulari e pc “BullyBuster” servirà per segnalare e individuare episodi di bullismo e cyberbullismo. I quattro atenei affrontano congiuntamente il problema per sconfiggere una grave piaga sociale, diffusa nelle scuole e in rete. BullyBuster” (AcchiappaBulli) grazie al supporto informatico, prevede una mappa online su cui annotare in tempo reale segnalazioni per richiedere interventi contro episodi di bullismo commessi per strada, a scuola o nei luoghi chiusi. Nell’iniziativa è coinvolta anche la Polizia Postale, che collaborerà ai casi di cyberbullismo, mettendo mezzi ed esperienza a disposizione degli sviluppatori dell’applicazione. I bulli saranno delineati nei loro comportamenti dalle equipe di psicologi e le azioni da intraprendere sono rese possibili grazie ai giuristi che si baseranno sulle leggi. “Il progetto – spiega Gian Luca Marcialis – consiste in un avanzato programma basato sull’intelligenza artificiale, in grado di registrare se in una piazza, una via o una stanza, oppure durante una comunicazione sui social o sul cellulare si stiano compiendo azioni prepotenti e violente, minacce o ingiurie. L’acchiappabulli sarà in grado di proteggere le vittime segnalando un atto di bullismo in corso, ovunque esso sia compiuto, nella vita reale o nella realtà virtuale, e di allertare, se il caso, le forze dell’ordine di un pericolo imminente”.
Il team di esperti delle quattro università è specializzato in ambito tecnologico, dell’intelligenza artificiale, giuridico e psicologico. I ricercatori, provenienti da territori dove il fenomeno è sentito, daranno al Paese il primo strumento reale per combattere il bullismo. “Lo stiamo progettando pensando – rimarca il professor Marcialis – a famiglie, studenti, scuole e forze dell’ordine”.

L'articolo Arriva l’Acchiappabulli: l’app ideata dai ricercatori dell’Università di Cagliari segnala atti di violenza e soprusi proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu On Line

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon