I circuiti storici nel mondiale di Formula Uno

La pratica delle gare automobilistiche ha radici più che secolari, poichè le prime corse, antesignane dei moderni Gran Premi, risalgono già alla fine del 1800. Il primo Gran Premio, per come lo intendiamo oggi, si svolse nel 1946 nel Parco del Valentino a Torino, nella cosiddetta Formula A, mentre tre anni più tardi, nel 1949 prese il via un primordiale Mondiale automobilistico che prevedeva sette Gran Premi su circuiti sparsi in tutta Europa. E’ nel 1950 che la competizione prende ufficialmente il nome di Formula Uno (formula uno scommesse), articolandosi sulla lunghezza di nove gare complessive: il primo Gran Premio ufficiale di quell’anno si svolse sul circuito di Silverstone, in Inghilterra, tuttora uno dei più amati da tifosi e piloti. Scopriamo alcuni dei tracciati che hanno fatto la storia della Formula Uno.

Circuito di Silverstone - Inghilterra

L’Inghilterra è una delle due nazioni da sempre rappresentate nel calendario della Formula Uno, con i circuiti di Aintree, Brands Hatch e Silverstone. Il tracciato di Silverstone, situato nella contea del Northamptonshire, nacque nel 1943 come aeroporto militare utilizzato dalla RAF; da quando è stato scelto come circuito principale della Formula Uno in Inghilterra, ha subito ovviamente alcuni cambiamenti rispetto alle prime edizioni, che sfruttavano fondamentalmente i tre grandi rettilinei di decollo ed atterraggio del progetto originale. Silverstone è uno tra i circuiti più lunghi dell’intera Formula Uno, con i suoi 5,891 km, suddivisi in 18 curve; inoltre all’interno del Circus, Silverstone è tra i tracciati più veloci, con una media in qualifica per la pole-position di 259,005 Km/h appartenente a Keke Rosberg. Lewis Hamilton detiene al momento il miglior tempo in gara (1’27”369). E’ considerato il circuito di casa della MacLaren.

Circuito di Monza - Italia

Anche l’Italia ha sempre avuto un circuito all’interno del calendario Formula Uno e storicamente il tracciato prescelto è quello di Monza, in Lombardia; in alcune edizioni del Mondiale si è preferito il tracciato di Imola, ma sulle 88 edizioni totali, ben 80 hanno visto Monza tra i circuiti protagonisti. L’Autodromo Nazionale di Monza è la pista più veloce di tutta la Formula Uno e conta soltanto 11 curve, con veloci rettilinei e varianti. Il record in gara appartiene a Ruben Barrichello (1’21”046), anche se la prestazione migliore è stata fatta registrare da Raikkonen in qualifica (1’19”119). E’ da sempre considerato il circuito di casa della Ferrari.

Circuito Cittadino di Monaco - Montecarlo

Molti considerano il GP del Principato di Monaco come il tracciato per eccellenza della Formula Uno, in un mix di fascino, tecnica e mondanità. E’ rinomato in quanto uno dei pochi circuiti cittadini, sviluppandosi all’interno del Principato di Monaco, tra curve strettissime e panorami mozzafiato a pochi metri dal mare (come la famosa galleria che porta ad una delle chicane più impegnative del Circus). Oltre ad essere un evento sportivo di portata mondiale per la sua difficoltà, il Gran Premio di Monaco è uno degli eventi mondani più amati dall’alta società, che può godersi la gara dagli yacht ormeggiati o dagli esclusivi balconi del Principato. Il GP di Monaco è, a detta dei piloti, il circuito più difficile e tecnico della Formula Uno, in cui è quasi impossibile effettuare sorpassi, stando attenti alle mille insidie che le strade del Principato riservano: non è raro vedere fuori pista o incidenti durante la gara.

Spa Francorchamps - Belgio

Il GP di Spa Francorchamps (più comunemente chiamato Spa) è tra i più spettacolari dell’intera Formula Uno, per via di moltissimi fattori: la lunghezza, la velocità del tracciato con molti punti buoni per sorpassare e l’incertezza estrema sulle condizioni meterologiche. Proprio quest’ultima variabile è tra le più difficili da gestire per i piloti ed i team, che possono imbattersi in condizioni climatiche differenti anche nello stesso momento -non è raro che piova su una parte del tracciato mentre l’altra sia ancora asciutta- mandando all’aria ogni strategia di gara.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon