Pietro Casula
Movimento per la Sardegna - Sardi nel mondo

image

Le immagini degli orrori che arrivano dall’Ucraina  sono e rimangono oggetto di divisioni nel dibattito politico e nei programmi televisivi che offrono diverse chiavi di lettura e diversi punti di riflessione con ospiti che, puntualmente, non trovano un accordo sulle interpretazioni e ragionamenti del conflitto militare in corso.
Nel dibattito pubblico sulla guerra Russia-Ucraina cosi come alla base della politica del nostro governo e della politica europea, siamo spettatori di una grande ipocrisia. È risaputo ma tutti chiudono gli occhi e fanno finta di non capire, di non sapere che in questa guerra l’Ucraina è solo una pedina della scacchiera geopolitica, una vittima nello scontro - quello vero - tra la Russia di Putin e la Nato ovvero gli Stati uniti d’America.
Nell’ambito dell’opinione pubblica si è tanto parlato e sparlato dei veri o presunti obiettivi della Russia in Ucraina e poco e niente, mi pare, si è discusso su quali siano gli obiettivi strategici degli Stati Uniti. Se l’Ucraina per la Russia rappresenta un interesse strategico fondamentale, nell’ottica degli USA - secondo Zbigniew Brzezinski - ex consigliere per la sicurezza nazionale della presidenza Carter - l’Ucraina è uno „spazio importante sulla scacchiera eurasiatica“ il cui controllo dovrebbe rendere possibile un dominio sul mondo.
Joe Biden, veterano della guerra fredda, ha messo in campo una tattica con un alto potenziale destabilizzante, nella quale un esasperato Putin si è buttato a capofitto in questa trappola pensata per procurare agli USA una montagna di profitti a costo zero. Perché i costi dell’operazione certamente sono e saranno - salvo sorprese - tutti a carico del Cremlino.
In un mondo post Guerra Fredda sotto il dominio geostrategico degli Stati Uniti, Brzezinski identifica l’Ucraina, unitamente ad Azerbaigian e l’Uzbekistan, come “lo Stato che merita il più forte sostegno geopolitico dell’America“. Questo stato post sovietico, infatti, è  per gli USA quello più critico tra i perni geopolitici chiave eurasiatici. Tesi sostenute tra l’altro, anche da Sir Harfold Mackinder, uno dei padri fondatori della geopolitica.  “Chi controlla l’Europa orientale comanda il cuore della Terra, chi controlla il cuore della Terra comanda l’isola-mondo e chi controlla l’isola-mondo comanda il mondo“.
Le durissime  dichiarazioni  e gli insulti di Biden all’indirizzo di Putin hanno fatto sorgere il dubbio a molti analitici che, in fondo, l’America non sia affatto interessata che Mosca e Kiew raggiungano un accordo di pace, quanto meno non nell’immediato. A questi fini a nulla servono gli insulti a Putin, che anzi rischiano di rendere ancor più difficile il negoziato o ancor peggio rischiano ulteriori provocazioni  che potrebbero indurlo ad allargare il conflitto fino a una terza guerra mondiale nucleare, la catastrofe.
Il vero aiuto alla popolazione ucraina  sotto massacranti bombardamenti da più di un mese ormai, non é l’invio di armi sempre più numeroso, sempre più potenti e non solo armi difensive che non fanno altro che prolungare il conflitto e aumentare le stragi, il massacro.
Il vero aiuto all’Ucraina non è aumentare  quasi del doppio le spese militari come ha deciso il nostro parlamento, oppure come ha deciso il governo tedesco di finanziare con 100 miliardi di euro il riarmo delle sue forze armate, e  neanche il progetto di dar vita ad un esercito europeo e ancor meno l’opzione di Joe Biden per il rafforzamento militare della Nato.
Questo compiacimento generale di unità, di compattezza dell’Occidente in questa logica di guerra, l’odio crescente verso il popolo russo cosi come l’informazione e il dibattito urlato e di parte, indicano una sola cosa: una corsa folle verso la catastrofe.
Il vero aiuto sarebbe il confronto diplomatico, la partecipazione delle grandi potenze occidentali con a capofila gli Stati Uniti alle trattative o quanto meno affiancare l’Ucraina invece di lasciarla sola con il suo aggressore. Questo sarebbe il vero atto di solidarietà dell’Occidente versi il popolo ucraino: affiancare l’Ucraina nelle trattative per il raggiungimento immediato del cessate il fuoco e la fine  dell’aggressione russa, la fine del conflitto.
C’è da augurarsi un pronto risveglio del senso di responsabilità delle potenze occidentali animate da una vera, chiara e decisa volontà di mettere la parola fine alla follia di questa guerra. Adesso. Nell’interesse di tutti.

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.