Tonino Dessì

image

Anche oggi i due quotidiani sardi dedicano ampio spazio al Sardaragate.
Direi che, a parte una contraddizione che emerge dai servizi giornalistici (su L’Unione Sarda l’iniziativa del convivio parrebbe doversi attribuire al portavoce del Presidente della Regione, ma su La Nuova l’interessato smentisce, mentre in un’intervista sul medesimo quotidiano è l’imprenditore termale ad assumersi “ogni responsabilità” per un pranzo che rientrerebbe nella normale attività promozionale e di pubbliche relazioni), oggi non si coglie nulla di nuovo.
Aggiungerei che una mia certa sensazione va accrescendosi, soprattutto valutando il tono sotteso nelle pagine del quotidiano sassarese, già distintosi di suo nell’elogio di un ex assessore regionale pescato fra gli astanti per le scuse pubblicamente presentate nel riconoscere “l’errore”.
A questo punto, cioè, mi pare che non passerà troppo tempo e la partecipazione a quel pranzo diventerà motivo di vanto.
C’è già tutto un occhieggiamento, fra organizzatori e partecipanti, un riconoscersi fra sodali pur escludendo il “delirante sospetto” che li associerebbe in chissà quale consorteria.
Intanto sfilano davanti al PM cagliaritano, dal quale effettivamente non è che ci si possa aspettare imputazioni per chissà quali gravi reati.
L’infrazione infatti comporta una sanzione pecuniaria tutto sommato modesta, che la maggior parte degli interessati potrebbe pagare senza batter ciglio (anche se, come mi fece osservare un abbientissimo avvocato e docente universitario anni fa: “Guardi che molti, più ricchi sono, più tengono al soldo”).
Rileverebbe magari il peculato per quanti si siano recati sul posto con l’auto e magari l’autista pubblici di servizio, ovvero la falsa dichiarazione qualora, proprio per scamparsi sanzione pecuniaria e ulteriori implicazioni abbiano autocertificato di esser lì “per motivi di lavoro”, ma insomma, trattasi di questioni penalmente quasi bagattellari.
Come giustamente puntualizza Amsicora[3], il tema non è affatto penale e ha scarso interesse giudiziario.
Il tema è di costume, di superficialità, di cattivo esempio da parte di quanti sarebbero tenuti a un comportamento rispettoso e disciplinato proprio in quanto titolari di funzioni-pubbliche, ma anche private- dalle quali l’esempio e, aggiungerei, la condivisione della condizione della generalità dei cittadini dovrebbe provenire.
Non questione penale, perciò, bensì un risvolto della questione morale.
Ma, come ho premesso, il tema morale è un tema scivoloso e, soprattutto, interpretabile a seconda degli ambienti in cui si vive e nei quali ci si riconosce e ci si sostiene a vicenda.
Perciò tutto, con qualche buon ufficio anche mediatico, vedrete che passerà in cavalleria e presto si parlerà dello sgonfiamento di uno scandalo alla fin fine “presunto”.

References

  1. ^Sardara. Ma che son pazzi quelli della Procura!? (www.democraziaoggi.it)
  2. ^Nessun commento (www.democraziaoggi.it)
  3. ^Amsicora (www.democraziaoggi.it)

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sardegna News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

Pizzeria da Birillo

Radio Fusion