A.P.

image

Che ne pensate del modello Sardegna, orgogliosamente ostentato da Solinas? Si entra con un filtro sanitario e così - almeno nelle intenzioni - si assicura circolazione e salute. Bah, coi tempi che corrono a me pare che meno si gira e meglio è; con l’intensificazione dei contagi a causa delle varianti temo che ci stiamo preparando - Dio non voglia - ad un’estate peggiore di quella passata.
La partenza della sperimentazione sembra buona, pochi ingressi, pochissimi positivi, facilmente gestibili per la quarantena. Ma più in là, quando il sole impazzerà e il mare diventerà un richiamo irresistibile? Cosa succederà allora? Ma - si obietta - si può entrare nell’isola solo per motivi di lavoro o per urgenze. Ma, signori belli, i motivi di lavoro si possono inventare: un avvocato che deve trattare un affare in Sardegna, tanto meglio se con una bella collega, non rientra nella fattispecie? E chi, fra i sardi espatriati, non ha un vecchio genitore o un’anziana zia bisognevole di cure o di conforto? Cosa succederà o può succedere allora?
Il meccanismo è questo: chi ha un motivo giustificato per entrare, non ha controlli in partenza; solo in arrivo, se risulta positivo, deve fare la quarantena. Se ha casa, sa dove andare, in mancanza andrà in albergo o in covid-hotels appositamente attrezzati a spese della Regione. Ma se la massa crescerà, se i casi saranno tanti che si fa? C’è nell’aria un equivoco, si parla del passaporto anche a soli fini tutistici. In fondo è a pizzerie, ristoranti ed alberghi che, sotto sotto, si pensa. E cosa volete obiettare? E’ l’economia bellezze! E’ questo movimento che si auspica. La botte piena e la moglie ubriaca. E poi quella Sardegna candida in mezzo al mare, non sembra un paradiso fra regioni rosse, gialle, arancione semplice o rafforzato? Non pare  un’isola felice, dove lumbard, veneti, laziali e centro-nordici di ogni specie, stressati da lavoro e pandemia, possono divincolarsi da divieti e clausure e sciamare finalmente liberi come ai bei tempi? Sì, quell’isola bianca nella cartina variopinta sembra una réclame: venghino, signore e signori, venghino, c’è posto per tutti! Chissà!? Potranno esserci migliaia di arrivi. Potrebbe crearsi un’emergenza. In ogni caso, ci saranno certamente virus in ingresso, con pericolo di focolai. E allorà? Allora, sarebbe stato meglio almeno obbligare al tampone prima di prendere le nave o l’aereo per l’isola. Si obietta che sarebbe illegittimo disporre questa limitazione alla circolazione con ordinanza regionale, ed è corretto. Ma chi poteva precludere questa facoltà allo Stato? Come di limita e si vieta la circolazione fra regioni con DPCM, lo si poteva (e doveva) fare anche in questo caso. In ogni caso, bisogna essere prudenti e pronti ad intervenire. Non si può consentire che la Sardegna - come l’estate scorsa - divenga terra di scorribande e di contagio d’importazione
Si vedrà, speriamo bene.

References

  1. ^Renzi riceve un compenso dal principe ereditario saudita senza sanzione? (www.democraziaoggi.it)
  2. ^Nessun commento (www.democraziaoggi.it)

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.