Lunedì webinar con Tonino Dessì: Stato e autonomie locali nella pandemia

 Andrea Pubusa

image

Siamo al terzo incontro online sul “Costituzione ed emergenza, nell’ambito delle iniziative di approfondimento organizzate dall’ANPI in collaborazione col CoStat e con la Scuola di cultura politica “Francesco Cocco”. Lunedì un altro tema caldo su cui si misura il nostro sistema politico e costituzionale. Sì, perché, quando si parla di rapporti fra organi costituzionali e enti ad autonomia costituzionalmente garantita, si parla di nome, ma si parla anche e forse anzitutto di politica. Per esempio, la non encomiabile condizioni delle relazioni centro/periferia davanti al covid nasce da un difetto della disciplina costituzionale o da una debolezza della politica? Personalmente sono sempre stato convinto che nelle questioni costituzionali conta, entro certi limiti, più la capacità politica, l’attenzione all’interesse generale che la norma in sé. Beninteso, la disciplina formale delinea il quadro, che non può essere mutato e integrato se non nei modi previsti dalla Carta, ma poi la responsabilità delle classi politiche genera comportamenti, prassi, consuetudini, che paradossalmente a livello costituzionale acquistano il rango di regole giuridiche.
Che c’entra tutto questo con la pandemia? C’entra e molto. E’ vero che il nostro titolo V presenta criticità, ma se le istituzioni (dico istituzioni) locali e centrali fossero animate da un intento convergente, da leale collaborazione per sconfiggere il covid, queste incongruenze verrebbero meno, prevarrebbe la spinta unitaria, l’interesse generale. Lo scontro politico si sposterebbe su altri temi di minor peso. Il fatto è che molti, a destra e a manca, a livello locale ecentrale non agiscono come rappresentanti delle istituzioni, ma piuttosto come volgari propagandisti di partiti o di bande. E questo atteggiamento si accentua ancor più nell’imminenza dell’arrivo di una massa di danaro, mai vista da tempo. Ognuno affila il suo coltello per ritagliarsi la sua parte e Conte e il M5S di fronte a questa voglia di orgia e di saccheggio costituiscono obiettivamente un antidoto e un argine deboli. Si delineano trasversalità nascoste e palesi.
La fibrillazione non è nella Carta, è in quest ceto politico d’infimo livello. Con costoro puoi avere la Costituzione più perfetta, ma quando passa la diligenza puoi star tranquillo che il mucchio selvaggio non lo impedisce nessuno.
Questo è il contesto su cui lunedì, Tonino Dessì e i suoi intelocutori cerceranno di darci lumi. Un compito non facile, ma molto intrigante e importante.

References

  1. ^Max Leopold Wagner, a te neanche una viuzza. Che volete farci noi sardi sian fatti così: onoriamo chi ci bastona e dimentichiamo chi ci ama (www.democraziaoggi.it)
  2. ^Nessun commento (www.democraziaoggi.it)

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie