Andrea Pubusa

image

Ma quanto incide questa prospettiva del presidente del Consiglio sulla sua azione di governo? E’ inutile negarlo  incide e tanto. Come spiegare i cedimenti di Draghi verso destra, le sue attenzioni a Salvini? E’ comprensibile che Draghi, sicuro di fare il pieno nel centro-sinistra, voglia assicurarsi anche il centro-destra, almeno quella di FI e della Lega. E Salvini già manifesta la disponibilità per far fare a SuperMario il salto al Colle.
L’impatto di questa evidente aspirazione del presidente del consiglio non e’ stato positivo. La politica nazionale e’ indecisa e senza identita’. Non si sa se e’ di destra o di sinistra, se e’ progressista o no. Come sempre in questi casi vince l’immobilismo.  Nessun cambiamento, il motore fa rumore, ma e’ fermo. A ben pensarci, coi tempi che corrono, potrebbe anche andar peggio. Ma è che il malessere dei ceti popolari aumenta. Tutto è concentrato su riapire  qualche giorno prima o chiudere qualche ora dopo; ci si chiede se d’estate saremo liberi tutti, anche in discoteca. Ma qui ed ora ciò che orccorre è un grande programma di sviluppo che metta al centro la condizione dei ceti popolari, i diritti dei lavoratori, il rilancio del Welfare, dalla sanità, alla scuola, una vera riforma della pubbica amministrazione. Rimettere l’amministrazione a fare il proprio dovere, con efficienza e imparzialità, è la chiave di volta per risolvere anche i problemi della giustizia, il cui male di fondo è d’essere il terminale di tutte le inefficienze del sistema. Ogni pratica ammnistrativa anche di scarso interesse vede i funionari rittrarsi, lasciando così spazio a ricorsi al Giudice amministrativo o a supplenze penali. L’organo competente agisce solo quando ha il timbro del Tar o del Consiglio di Stato o della Cassazione. E così mentre a Parigi ci sono qualche centinaio di Cassazionisti, a Cagliari o a Sassari ce ne sono molti di più. E tutto questo ha a che fare solo con le procedure o con le storture dell’apparato pubblico?
Ecco il punto. Occorre una stagione di riforme profonde coraggiose, capace di rigenerare l’Italia dal punto di vista intellettuale e morale, fin nelle cellule più minute degli apparati e della società. Occorre ridare ai funzionari pubblici il gusto di far le cose con onore e disciplina, come dice vanamente l’art. 54 Cost.
Per questa opera immane, per un’operazione alla New Deal,  serve  un presidente in  equilbrio instabile fra Salvinie un centro-sinistra evanescente? La risposta è evidentemente negativa. Roosevelt non fu un equilibrista, fece scelte nette e coraggiose, legandosi ai sindacati e ai ceti progressisti, dando loro voce e spazio.
Ecco cosa ci occorre, un nuovo patto., senza i Salvini e i Berlusconi. Consolarci, pensando che senza Draghi al Colle è peggio, pare ragionevole, ma è perdente, almeno per chi vuole dare a questa crisi uno sbocco visibilmente progressista, dalla parte del lavoro.

References

  1. ^Le voci della politica non parlano più del Sud (www.democraziaoggi.it)
  2. ^Nessun commento (www.democraziaoggi.it)

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.