A.P.

 

 

© ANSA 

Il premier Mario Draghi ha presentato in Senato il suo programma e ha ottenuto la fiducia. Del discorso di Draghi non è interessante l’elenco delle cose da fare, fin troppo ovvio in un momento come questo, da essere banale. Lotta alla pandemia, ricostruzione, lavoro, scuola, infrastrutture ecc. Nè più nè meno quello che si proponeva di fare Conte. Tutte questioni da esaminare e da seguire con attenzione. Il punto interessante è però un altro, e sioè l’evocazione da parte del neo premier dello “spirito repubblicano”, molto richiamato in Francia sopratutto di fronte alle questioni importanti, potenzialmente divisive. Lo spirito repubbicano riassume i valori nati dalla Grande Rivouzione e fondanti per l’ordinamento d’oltralpe: liberté, egalité e fraternitè, nonché la laicità dello Stato. Sono principi messi a dura prova dal multicuturalismo conseguente alle massicce immigrazioni risalenti e recenti, ben più corpose e organizzate di quanto non avvenga in Italia. Lo spirito repubblicano costituisce un deposito forte di valori che tiene uniti i francesi vecchi e nuovi. Negli USA è il richiamo alla Carta fondativa, anch’esso incrinato dall’attacco di Trump, intriso di umori razzisti e antidemocratici.
In Italia sarebbe il patriottismo costituzionale, spesso richiamato da settori del mondo demcratico, ma contestato da forze corpose, organizzate anche in partiti, che non hanno mai accettato la Resistenza e la Costituzione. Ricordate B.? Da presidente del Consiglio definì la nostra Carta come soviettista e disertò perfino il 25 aprile. Umori non nascosti da forze come la Lega e Fratelli d’Italia.
Draghi richiama lo spirito repubblicano, ma non lo definisce; non si capisce, dunque, se lo fa per rafforzare l’unità della sua compagine disomogenea e per limitarne la conflittualità, già manifestatasi e potenzialmente devastante per il nuovo governo. Certo, se è correttamente inteso,  lo spirito repubblicano indica qualcosa di diverso e di più profodo dell’unità nazionale in funzione di un governo-ammucchiata, indica un obiettivo generale: ricondurre tutte le forze politiche entro il perimetro costituzionale. Sarebbe una vera rivoluzione culturale, un sostanziale balzo in avanti. Naturalmente poi la Carta può essere declinata in modo diverso a seconda delle propensioni conservatrici o progressiste di ciascuna forza o raggruppamento politico, ma sempre entro i principi e la struttura fondamentale delineata dalla Costituzione.
E’ una indicazione importante e, se avanzata in modo pregnante, da condividere, anche se ovviammente - come si diceva - l’accettazione di essa non preclude una opposizione a questa o quella politica di governo, compresa quella di Draghi.

References

  1. ^Passaporto sanitario? Sì, ma Solinas stavolta deve cercare l’accordo col governo (www.democraziaoggi.it)
  2. ^Nessun commento (www.democraziaoggi.it)

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.