La Scuola di cultura politica F. Cocco inizia domani un ciclo di webinar sui sardi illustri, che hanno fatto non solo la storia della Sardegna: Gramsci, Lussu, Laconi e Mario Melis. Gli incontri saranno introdotti dagli autori di libri sui diversi personaggi: Fresu, uno dei massimi e più stimolanti studiosi di Gramsci, Birocchi, storico del diritto, autore di un libro recente su Lussu giurista; la De Felice, che ha scritto un’ampia monografia su Laconi, Antony Muroni, che traccia un profilo di Mario Melis in un volume in uscita per ArKadia. Di “Gramsci e le donne” parlerà, l’8 marzo, anche Noemi Ghetti, illustrado il dibattito sulla questione femminile nell’universo comunista da Lenin a Rosa Louxemburg, da Aleksandra Kollontaj a Clara Zetnik fino Togliatti.
Un programma di alto livello, da non perdere.

 

 

scpfc-gramsci-19feb21

 

 Il webinar sarà trasmesso in diretta video sul canale youtube della Scuola di cultura politica Francesco Cocco   https[3]://[4]www.youtube.com/channel/UCAxsRLM4nvpmFjUGA0CDUug/[5]

 

References

  1. ^Draghi e “lo spirito repubblicano” (www.democraziaoggi.it)
  2. ^Nessun commento (www.democraziaoggi.it)
  3. ^https (www.youtube.com)
  4. ^:// (www.youtube.com)
  5. ^www.youtube.com/channel/UCAxsRLM4nvpmFjUGA0CDUug/ (www.youtube.com)

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.