image


Giuseppe Caboni

La famiglia Sassoli è stata in vacanza a Chia, per alcune estati, all’inizio degli anni 2000. Veniva a Chia perché era un luogo semplice e con un turismo limitato, popolare e di sapore quasi paesano, anche se colto e raffinato.
David, la moglie Alessandra, e i loro bambini, hanno frequentato le diverse famiglie della nostra comunità di vacanze, con molta intelligenza e semplicità. Al mare, con cene molto partecipate, con tanti bambini.
David era un padre affettuoso molto attento alla salute dei figli.
Con le diverse famiglie i Sassoli stabilirono una particolare amicizia.
Specialmente con i Colangelo, che andarono anche a trovare a Napoli, per divertirsi insieme girando per la città e, in particolare, fra le bancarelle di San Gregorio Armeno.
David era una persona cordiale, intelligente, senza supponenza benché personaggio televisivo molto noto; anche per questo tutti noi lo ricordiamo con affetto e stima.

P.S.

Andrea Pubusa

Anch’io ho avuto modo di conoscerlo proprio in occasione di uno dei simpantici incontri danzanti e “cantanti” che Giuseppe e Clara immancabilmente organizzavano d’estate nel bel giardino di casa. Giuseppe con la chitarra intonava canti della tradizione popolare, politica e non (anche di sua composizione, manco a dirlo molto applauditi!) , così si levava un coro allegro e festante, impreziosito da qualche bicchere di buon vino o spumante o di birra (rigorosamente Ichnusa!) forniti dalla casa e dai felici partecipanti. In mezzo due, tre passi di danza e due barzellette. Tutto con molta informalità e spensieratezza.
Ricordo che quella sera David con Alessandra di presentarono in ciabatte, e lui in pantaloncini corti e maglietta. Era un ragazzo di 45 anni molto cordiale e mite, come poi è stato anche nel corso del suo mandato di deputato e Presidente del Parlamento europeo. Ne ho serbato un bel ricordo anche se l’incontro è stato brevissimo.
Peccato, è morto prematuramente un uomo di buona volontà.

******

Ecco ora un bel ricordo di David Sassoli pubblicato da Il Manifesto
  Se c’è il Paradiso, Sassoli è già lì

Il saluto. L’impegno civile, la politica. E l’immagine forte e indelebile di un giornalista serio che ha contribuito a migliorare la reputazione della Rai e del Paese.

image

Vincenzo Vita - Il Manifesto

Ma proprio nell’ultima apparizione pubblica prima delle feste natalizie, in occasione della conclusione del mandato di Presidente del parlamento europeo, i segni della malattia apparivano chiari. Il corpo non mente mai. Chi ha conosciuto e frequentato negli anni Sassoli aveva già avuto un sussulto, dopo la doccia fredda di metà settembre dell’anno passato, quando una grave polmonite l’aveva colpito. E all’ultima notizia di un pericoloso venir meno delle difese immunitarie, a causa di un mieloma ritornato a corrodere un corpo via via indebolito.
TORNIAMO ALLA PARTE pubblica di una vita intensa e variegata attività. Raccogliere in breve una biografia densissima, pur conclusa così prematuramente, non è facile.
L’inizio fu nella città natale – Firenze – sotto la stella e l’influenza di Giorgio La Pira e di quel cattolicesimo aperto e lontano dalle logiche gerarchiche che ha segnato la crescita del giovane Sassoli. Cresciuto, poi, a Roma, vicino nel liceo Virgilio al movimento degli studenti credenti e laici, maturò l’esperienza dell’associazione scoutistica Agesci e della cosiddetta Rosa bianca, su impulso di quel Paolo Giuntella (pure scomparso, purtroppo) che animava un universo di persone attente ai diritti negati degli strati deboli e dimenticati.
L’IMPEGNO CIVILE varcò il confine della politica, attraverso la Lega democratica diretta – tra gli altri – da Pietro Scoppola. Eravamo nella stagione a cavallo tra gli ottanta e i novanta del secolo scorso, quando alla crisi delle ideologie storiche si tentava generosamente di rispondere attraverso il valore della morale e dell’etica.
Nel frattempo Sassoli aveva cominciato l’attività giornalistica, transitando dal quotidiano Il Tempo, ad un’agenzia come l’Asca, alla redazione romana de Il Giorno, fino al Tg3. Fu nel 1992, grazie all’intuizione rabdomantica di Sandro Curzi assistito da Barbara Scaramucci. Lì iniziò la stagione televisiva, passata per un po’ alla rete due del servizio pubblico, fino al Tg1 di cui è stato il popolarissimo testimone. Ma non solo. Insieme si avviò un rilevante ruolo sindacale: nel comitato di redazione della testata, nel sindacato dei giornalisti della Rai e in seguito nell’associazione della stampa romana, che presiedette nel 2004. Fu nel 2002 tra i fondatori di Articolo21, con adesione convinta e duratura alle manifestazioni contro censure, querele temerarie ed editti bulgari.
SEGUÌ L’INCONTRO con il partito democratico, che lo candidò con successo nel 2009 al parlamento di Strasburgo. Fu riconfermato nel 2014 (malgrado l’esito infelice delle primarie per il Campidoglio nel 2013) e nel 2019. Dapprima capodelegazione del Pd, poi vicepresidente, fino al massimo vertice dell’assemblea. Proprio a dicembre aveva annunciato di volere la rotazione dell’incarico, per non compromettere la maggioranza che aveva permesso l’elezione di Ursula von der Leyen (tra le prime personalità a spendere parole sentite dopo la morte) alla responsabilità nella Commissione.
NON È STATA L’AVVENTURA europea una formalità. Al contrario, Sassoli ha svolto una funzione significativa nel ridare credibilità ad un paese ancora oggetto di battute feroci dopo l’epopea berlusconiana. Se l’Italia ha ottenuto il cospicuo finanziamento del Piano di rilancio e resilienza (Pnrr) e ha cominciato a pesare in misura maggiore, il merito è anche suo.
Va ricordato, alla vigilia di un delicato voto per il successore di Sergio Mattarella insidiato dalla pandemia, che proprio dalla presidenza europea è venuta un’indicazione utile. Pur nel dilagare del virus, lassù aula e commissioni hanno continuato a lavorare con votazioni a distanza, mediante appositi accorgimenti tecnici. Un precedente importante, che potrebbe fare giurisprudenza in materia.
IN DIVERSI DIBATTITI Sassoli si era dimostrato sensibile alle critiche dei Trattati che hanno imbrigliato l’Unione, soggiogandola a logiche meramente finanziarie. Così per ciò che concerne i rigidi parametri del bilancio, se gli scostamenti fossero finalizzati alla ricerca e all’aumento delle capacità conoscitive, al superamento delle disuguaglianze. L’origine solidaristica e sociale ha caratterizzato la disponibilità costante al dialogo e all’attenzione verso le persone, gli esseri umani magari semplici e negletti. Negli auguri per il Natale, che sarà ricordato come il discorso di addio, Sassoli parlava di superare e di abbattere i muri, di rispettare le diversità, di dare una speranza a chi non ce l’ha.
Nel settembre del 2019 Sassoli non mancò di dissociarsi dalla pessima risoluzione votata a Strasburgo, in cui si equiparavano nazismo e comunismo. In un’efficace intervista rilasciata al periodico dell’associazione nazionale partigiani (Anpi), si sottolineava il valore fondante per la stessa Unione europea della lotta antifascista. Un testamento da incorniciare

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.