A.P.

image

Vogliamo fare una foto della crisi? Cosa vediamo? In queste ore si sta manifestando il massimo sforzo per liquidare Conte e ridimensionare il M5S per imporre un altro assetto, altri equilibri. I musi gialli, nonostante le loro traversie, non hanno abdicato  alla questione morale, non danno segni di togliere le tende dalle questioni della giustizia, insomma non lasciano ben sperare a chi vuol far bottino col Recovery, mantenendo l’impunità e una certa libertà di delinquere senza pagar fio. Ma chi mettere al posto di Conte? Chiunque, sotto i profili indicati, per lor signori, è meglio. Poi si vedrà. Un copione già visto quando, nel 2013, Renzi appiedò Bersani e organizzò la carica dei 101 contro Prodi; allora, d’accordo con B., concorse a reinvestire Napolitano per poi passare velocemente a Letta jr. e prendersi la presidenza del Consiglio. Il seguito, l’attacco al mondo del lavoro e perfino alla Costituzione è tristemente noto. Ora, è difficile che riesca ad avere tanto successo, ma poco importa, a lui basta avere un ruolo preminente in un contesto oscuro, dominato da poteri forti, ad egemonia moderata sensibile alle operazioni disinvolte e affaristiche.
Certo, non è un disegno di facile realizzazione. Il nome di Franceschini evoca l’operazione Enrico Letta contro Bersani del 2013 e certamente le forze, che operano all’ombra, sono numerose. Quanto regge il PD sul sostegno a Conte? E quanto terranno i responsabili, già di per sè provenienti da esperienze non proprio luminose per dirittura e rigore? Se è vero, dunque, che far fuori Conte e il M5S non appare semplice, è anche vero che ci vuol poco a smuovere la situazione, a creare uno scossone e uno squilibrio che in poco tempo raggiunge l’obiettivo.
Mattarella in tutto questo conta, ma non è determinante e, del resto, non dimentichiamo che già all’inizio della legislatura si inventò l’incarico a Cottarelli ch’era frutto solo della sua propensione moderata da vecchio buon demoocristiano.
Situazione incerta e scivolosa, dunque, di cui a far le spese rischia d’essere ancora una volta il Paese e ceti popolari. Bisogna mobilitarci e, nelle forme possibili, farci sentire.

References

  1. ^La Giornata della memoria alla Scuola serale di Piscinas: l’Olocausto degli zingari, il popolo del vento (www.democraziaoggi.it)
  2. ^Nessun commento (www.democraziaoggi.it)

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sardegna News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

Pizzeria da Birillo

Radio Fusion