Caro Gianfranco, ci hai giocato un brutto tiro

Andrea Pubusa

image

Caro Gianfranco,

il 16 mi hai mandato il tuo bell’articolo dal titolo intrigante, “Un “Manifesto” di disobbedienza civile per salvare il pianeta”, e già aspettavo un nuovo titolo quando, d’improvviso, la ferale notizia. Uno scherzo pesante! Ci hai giocato un brutto tiro!
Altri, con più competenza, ci parleranno del pensiero e della produzione scientifica dell’accademico. Io mi limito ad osservare che non è una frase rituale dire che la perdita è grave, perché Gianfranco aveva una dote rara: non leggeva solo per sé, leggeva anche per gli altri, per noi. Ogni volume, rivista o giornale che chiudeva gli offriva materia per una immediata riflessione critica sul tema, che traduceva in uno scritto di divulgazione. Ecco Gianfranco era un divulgatore nel senso migliore del termine, voleva che le questioni importanti fossero conosciute e comprese da un pubblico vasto di non economisti, di non addetti i lavori. Abbiamo così appreso da lui, quando ancora nessuno ne parlava, del reddito universale e del reddito di cittadinanza, ci ha indicato i grandi economisti e intellettuali che hanno concorso ad elaborare quelle categorie, ci ha spiegato la loro portata innovativa in seno alla corrente culturale che ha messo capo al Welfare State. Tutto questo poi ha riversato in tanti scritti su Aladinpensiero, Il Manifesto sardo e Democraziaoggi, nonché in un articolo più organico apparso nel volume a cura di Fernando Codonesu “Lavorare meno, lavorare meglio, lavorare tutti” - Aracne editore. E così, quando Renzi e altri politici nostrani (anche della sedicente sinistra) favoleggiavano di pelandroni sul divano, con i pop-corn, a guardare la TV da mane a notte, noi sapevamo che questa è una tematica solida sul piano della teoria economica e che costituisce una evoluzione del Welfare. Cosa sarebbe oggi il  nostro paese, di fronte alla crisi terribile indotta dal covid senza il reddito di cittadinanza? Cosa sarà il mondo quando l’umanità intera avrà - come predicava anche Gianfranco - un reddito unversale, ossia un reddito minimo garantito per tutti “dalla cula alla tomba”?
E quanto è stato stimolante sullo sviluppo locale, organizzando convegni, mettendo assieme economisti, giuristi, sociologi, e raccogliento tutto in volumi per far circolare le idee, per farle diventare programma e gambe di forze politiche intelligenti e i movimenti democratici.
Questi e altri sono i voli che Gianfranco ci faceva fare, anziché stare, come molti di noi fanno, a coccolarsi i propri libri, ad assaporarne l’odore fresco di stampa e a gustarne il contenuto, godendoselo, però, in solitudine. Come il bambino scemo che mangia la nutella da solo e di nascosto, per non condoviderlo con fratellini, sorelline e amichetti . No, Gianfranco il bene prezioso della cultura voleva fosse alla portata di tutti, e lavorava instancabilmente per questo.
Ho conosciuto Gianfranco mezzo secolo fa, quando iniziai la mia avventura universitaria a Economia, chiamato da Umberto Allegretti che allora vi insegnava “Diritto Pubblico“, era burbero e non di facile carattere: c’era però un pregio che lo contraddistingueva e che non era difficile notare immediatamente: Gianfranco era innamorato del suo lavoro e della Facoltà, lui aveva la chiave e si recava in istituto tutti i santi giorni, domenica compresa, spesso lavorava, altre volte faceva solo un giretto di ispezione, lui voleva una conferma che tutto fosse in ordine e a posto. Curava l’organizzazione minuta della facoltà e il personale lo seguiva, nonostante le sue esternazioni talvolta non proprio in stile accademico, perché la sua era passione per l’organizzazione, comprensione che, senza una perfetta predisposizizone e guida del personale, la facoltà avrebbe perso in qualità, in capacità d’essere luogo di ricerca e di apprendimento per discenti e docenti. Il personale amministrativo traeva grande appagamento da questa efficienza e dalla gratitudine del corpo docente. Ad Economia c’era la simpatica consuetudine di riunirsi a metà mattina per il caffè e la pasta, prima e dopo tutti al lavoro! Niente perdite di tempo. I docenti a turno offrivano le paste. Una vera gioiosa macchina da lavoro!
Grazie anche a Gianfranco fare ricerca ad economia era agevole: il personale, in un tempo in cui tutto era cartaceo, ti riempiva la scrivnia di libri riviste e fotocopie, a tua richiesta, e senza defatiganti perdite di tempo. Avevo visto qualcosa del genere solo a Milano all’ISAP, un centro di ricerca in campo giuridico di assoluta eccellenza nazionale.
Gianfranco, anche dopo il pensionamento, ha voluto avere una stanzetta in Facoltà, dove lui si recava tutti i giorni. Li trovavi caterve di libri, giornali e riviste, che lui avidamente divorva, dandone conto a noi tutti coi suoi post illuminanti.
Gianfra’, cosa dire per salutarti? Che sei stato un collega burbero, un amico atipico, un “maestro Manzi” anche per noi non economisti molto amorevole, solerte e puntuale? Chi prenderà il tuo posto? Sento un vuoto, al momento incolmabile. Non vedo chi ci aprirà le finestre luminose della ricerca in campo economico. A te, mazzianiano, laico integrale, non te ne risentirai, auguro che nelle praterie eterne gli alberi d’alto fusto producano libri, nelle piante medie crescano le riviste, e le piantine diano in abbondanza, come le fragole, articoli e post per i blog. Forse ci vorrebbe anche un po’ di personale ds mettere in riga per la raccolta e la sistemazione di tutto il materiale. E tu a dirigere i lavori, a scrivere e a studiare. Lo hai fatto in modo encomiabile quaggiù, chissà cosa farai lassù!
Ciao Gianfranco!

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie