Gianna Lai

image

Oggi, domenica, nuovo post sulla storia del movimento operaio di Carbonia dal 1° settembre 2019[1].

In “Difendere il popolo dalla miseria e dalla fame”, il dirigente comunista sardo Giuseppe Borghero ritorna sui provvedimenti del Governo che, proposti dai ministri comunisti, prevedono “il tesseramento differenziato, il prezzo politico del pane  e il ribasso del cinque per cento su tutti i prodotti non tesserati”. Piani concreti che “se attuati possono stroncare il mercato nero e garantire una più equa distribuzione dei generi razionati e una maggiore rivalutazione della capacità di acquisto degli stipendi e dei salari”. E sollecita Borghero,  anche in Sardegna, una  “analoga azione per strappare le masse popolari dalla miseria nella quale vivono”. A Carbonia,  una volta ricomposto il direttivo della Camera del lavoro dopo gli arresti  e i licenziamenti  dei quadri sindacali più in vista, Antonio Selliti il nuovo segretario, non si fermano gli scioperi nelle miniere del Sulcis, proprio a causa delle misere condizioni di vita in cui versano  gli operai. Mentre si rafforza il mercato nero, così nel resto della provincia, e niente possono le autorità, come denuncia lo stesso prefetto a marzo, dove si registra “crescente la tassazione di imposte dirette e indirette, che determinano il malcontento generale”. E la disoccupazione e la crisi degli alloggi e l’insufficienza dei generi razionati:  “grave la  preoccupazione  per la crisi alimentare e per la continua ascesa del prezzi, dilagante il borsanerismo di fronte a provvedimenti insufficienti  per affrontare il pauroso bilancio delle spese invernali”. Quanto mai “precarie le condizioni dell’industria e del commercio”.
Ancora agitazioni operaie a febbraio, quindi, in tutto il Sulcis Iglesiente. A Ingurtosu in sciopero 900 lavoratori, a Buggerru altri 250 dipendenti della Pertusola, per il mancato pagamento della contingenza e per ottenere  vestiario e scarpe: il loro ultimo sciopero a dicembre del 1946, quando gli operai avevano chiesto “l’allontanamento del capo servizio Boi Pietro, ex squadrista, che viene sistemato altrove” . E poi, in 2000 restano nei piazzali a Bacu Abis il 22 marzo, per protestare contro la perdita della giornata di lavoro il giorno di  San Giuseppe, considerato festivo dalla direzione Carbosarda.
E ancora a Bacu Abis, 1500 operai  si astengono per  un’ora dal lavoro contro l’opuscolo della SMCS sulla  situazione dell’Azienda  a seguito dello  sciopero del 26 gennaio. Un intervento a caldo della direzione, questo segnalato dal prefetto, sulle recenti manifestazioni di protesta, che salta direttamente la rappresentanza sindacale, “Agli impiegati e operai di Carbonia” è indirizzato, in data 27 marzo 1947. Vi si intende  “chiarire, alle maestranze, quanto si è fatto e si sta facendo, onde creare le condizioni necessarie per il progressivo sviluppo delle attività minerarie  nel Sulcis, cui è strettamente legata la possibilità di lavoro e di benessere della sana massa operaia”. Ma anche rilevare “il danno che a quest’ultima deriverebbe dal ripetersi di ingiustificate agitazioni”. E dice Ignazio Delogu in “Carbonia”, riprendendo a sua volta il documento, come l’Azienda non esiti  ad affermare che la minaccia che  incombe sulle miniere di Sardegna può diventare reale a breve scadenza,  a causa, in particolare, della qualità inferiore del carbone Sulcis, rispetto agli  altri carboni. Non tenendo evidentemente in alcun conto, prosegue l’autore a questo proposito, le obiezioni di tecnici e di scienziati sulle concrete possibilità, invece, del suo sfruttamento. Piuttosto tenendo invece  a sottolinere ancora, l’azienda, come  “i livelli di occupazione e di produzione attuali sono favoriti da condizioni eccezionali che andranno cessando con la ripresa economica e commerciale dei paesi devastati dalla guerra; …. per il momento in cui le condizioni della produzione e dei traffici si normalizzeranno, noi dobbiamo approntare i rimedi opportuni, perché altrimenti correremo il rischio di dover chiudere le nostre miniere, con la conseguenza di una penosa disoccupazione”. Il documento suona minaccioso,  così sembra interpretarlo lo stesso prefetto, e specie per i minatori ora che il movimento è in crisi dopo lo scompagianmento dei quadri sindacali. Gli operai rispondono tuttavia con lo sciopero, articolato nei vari settori e cantieri, una protesta che, senza soluzione di continuità, si protrae fino a maggio, mentre si fanno più intensi gli scioperi anche dei contadini per ottenere il premio della Repubblica, l’aumento dei salari e  l’assegnazione delle terre incolte.
In difesa di operai e contadini  la Confederazione generale del lavoro che prosegue, a livello nazionale,  la stagione del rinnovo dei contratti collettivi, dopo quello dei minatori; così i tessili già nel gennaio del 1947, nel maggio i poligrafici, a ottobre i dipendenti  dell’industria alimentari, e poi i bancari nel gennaio del ‘48. Sapendo tener testa alle lunghe e faticose trattative con gli imprenditori, per dover “tra l’altro superare la pregiudiziale della Confindustria,  che avrebbe voluto  contratti distinti per impiegati e operai”, come precisa Sergio Turone nella sua “Storia del Sindacato”. Ed in questo quadro non si può che sottolineare come gli scioperi del Sulcis risultino tra i più frequenti e numerosi, rispetto alle altre zone d’Italia se, ad esaltare la politica moderata della CGIL,  insieme all’ascendente che essa detiene tra le masse organizzate, è lo stesso Palmiro Togliatti in Costituente, come ricorda ancora Sergio Turone, l’Italia, “il paese dove hanno luogo meno scioperi”, dove quindi, “……da parte della classe lavoratrice e dei sindacati operai, si danno tutti gli esempi e si compiono tutti gli atti necessari per mantenere la disciplina della produzione,  l’ordine e la pace sociale”.

References

  1. ^1° settembre 2019 (www.democraziaoggi.it)

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.