Andrea Pubusa

image
La carta Mario Draghi giocata dal Quirinale è volta creare un a sorta di Union sacrée, l’unione di tutti per il bene della patria, come si fa di solito nelle guerre. Mettiamo da parte i nostri particolarismi di classe, ceto e partito e remiamo tutti uniti in difesa della nazione in pericolo. In queste unioni c’è però di solito una parte più forte che egemonizza gli altri e impone loro le sue opzioni e i suoi interessi. La propaganda massiccia e compatta nasconde la dura realtà. C’è una deroga alle normali prassi costituzionali, si nomina un preteso “salvatore della patria” nella persona che meglio sintetizza gli interessi prevalenti e gli si crea un’aura di invincibilità, di perfezione. Così si fece con Monti, ora si replica con Draghi, nientemento superMario, idest superman.
La pressione è dunque fortissima ed è difficile resistere, come si vede già. Ad esempio, nel centrodestra, Giorgia Meloni, finora decisa a chiedere le elezioni anticipate, per evitare la divisione e arrivare ad un voto comune, si spinge ad ammettere la possibilità dell’astensione.
Il Pd, invece, è già eccitato dall’idea di un vasto fronte e e ‘chiama’ Leu e perfino il M5s all’adesione. “Con l’incarico a Mario Draghi si apre una fase nuova che può portare il Paese fuori dall’incertezza creata da una crisi irresponsabile e assurda. Siamo pronti a contribuire con le nostre idee a questa sfida per fermare la pandemia”. Così Nicola Zingaretti che però, nell’incertezxa del domani, vuole salvare capra e cavoli: ampie alleanze sì, ma “non bisogna perdere la forza e le potenzialità di una alleanza con il Movimento 5 Stelle e con Leu basata su proposte comuni sul futuro dell’Italia,,,”.
Leu è pronta. Speranza: “È importante che le forze politiche che hanno lavorato bene assieme negli ultimi mesi - Leu, Pd e M5S - affrontino in queste ore in modo coordinato la crisi politica in corso”.
E i musi gialli? “Leali a Conte”, dice Grillo ed è già un’indicazione. Conte, dal canto suo, ringrazia e declina l’invito d accettare un ministero se Draghi glielo offrisse. Crimi è in sintonia. Del resto questa operazione è stata messa in piedi al solo fine di mettere fuori il M5S dall’area di governo, la maggiore forza parlamentare. Col loro moralismo e il mai rinnegato giustizialismo sono un pericolo per chi vuole mano libera sui fondi del Recovery e della lotta alla pandemia. La propensione è, dunque, per il no a Draghi, anche se c’è una pausa di riflessione. Alessandro Di Battista dice una parola di verità: “Quel che penso è che il governo Draghi lo debbano votare i rappresentanti dell’establishment”. “Ostacolare l’approdo di Draghi a Palazzo Chigi nulla ha a che vedere con la lotta tra europeismo ed anti-europeismo, ha a che fare con la contesa tra Politica e finanza”.
Anche Di Battista talvolta c’azzecca. In fondo, più semplicemente, se l’operazione Draghi decolla, ci vuole chi faccia l’opposizione. O no? l’opposizione è una faccia della democorazia, bellezze!

References

  1. ^Mario Draghi? Che c’azzecca Draghi? (www.democraziaoggi.it)
  2. ^Nessun commento (www.democraziaoggi.it)

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sardegna News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

Pizzeria da Birillo

Radio Fusion