Contagi a quota 10mila, aumento dei decessi. I medici: “Necessarie misure più restrittive”. E che ne è delle libertà?

Che Stato e che Democrazia[1]

Contagi a quota 10mila, aumento dei decessi. I medici: “Necessarie misure più restrittive”. E che ne è delle libertà?

17 Ottobre 2020
Nessun commento[2]

Andrea Pubusa

image

Non voglio annoiarvi con un elenco di dati sul Covid19. Basta accendere la TV, sfogliare i gionali o leggere la sempre aggiornata Ansa. 10mila i nuovi contagi per il Covid in Italia nelle ultime 24 ore, secondo il bollettino del Ministero della Salute. I decessi. sono alti, come in altalena salgono oggi e scendono domani, ma la tendenza generale è alla risalita. Le strutture sanitarie, regione più regione, meno reggono con sempre maggiori scricchiolii.
In questo contesto che il governo intervenga con restrizioni viola o no le libertà? E intanto la libertà cos’è, è salire sopra un albero o è partecipazione (per ricordare Gaber)? Direi, l’una e l’altra. La seconda certo è più importante, ma se ti vietano di salire su un albero senza ragionevole motivo, non credo che la partecipazione se la passi meglio. La libertà si articola in infinite facoltà, ma in fondo è un unicum, se ne tagli pezzettini, non la stai lasciando piena ed integra.
Limitare l’accesso a ristoranti e locali dopo una certa ora, 23-24, è una limitazione della libertà? E vietare la calca nelle strade o piazze dopo le 21? E raccomandare prudenza nelle riunioni familiari o amicali in casa? Bene, credo che sia una limitazione, però del tipo “salire sopra un albero“. Insomma è una restrizione,  ma non comprime o viola libertà fondamentali. Intanto perché nel ristorante o nel locale puoi andare alle 21 in modo lasciralo prima delle 24; se fosse limite alla libertà, dovrebbe essere assoluto. Agli antifascisti non era consentito incontrarsi a fasce orarie, era vietato sempre, giorno e notte per ogni santo giorno dell’anno. Pensiamo al divieto di fumare in luoghi pubblici. E’ una restrizione di una facoltà? Sì, ma pian piano si è trasformata in un fatto di costume accettato da tutti, talvolta anche in modo eccessivo. Se un amico fuma a fine cena all’aperto nel ristorabte sul mare, col vento giusto, non dà così tanto fastidio…anzi ci ricorda i bei tempi delle chiacchierate a fine cena in compagnia. Se questo Covid19 continua, dobbiamo non tanto sentirci limitati nelle libertà, quanto mutare costumi, modi di vita per rispetto di noi stessi e degli altri.
C’è ovviamente un altro aspetto sul quale non si può transigere; è apparentemente solo procedurale, ma è ben di più, è sostanziale. Nella garanzie la procedura è sostanza. Occorre che le limitazioni della libertà di circolazione e soggiorno abbiano una specifica base nella legge ordinaria. Questo richiede con estrema chiarezza l’art. 16 Cost. e a questo precetto non si può derogare neppure per il divieto apparentemente più elementare. E i limiti anche per ragioni di salute e incolumità pubblica devono essere sempre fondati sulla ragionevolezza, sul più rigoroso bilanciamento fra libertà dei cittadini e interesse pubblico, ossia la salute e la sicurezza sempre dei cittadini. In fondo, se ci pensate bene la salute è l’unico diritto espressamente qualificato dalla Carta come “fondamentale” (art. 32 Cost.) e nella gerarchia delle libertà sta prima ad esempio della libertà d’iniziativa economica (art. 41 Cost.), segno questo che sta prima anche della libertà di salire sopra un albero.
Capisco che per me, ratione aetatis, la libertà di salire sugli alberi o andare per locali dopo le 24 è teorica più che pratica. Quand’ero giovane po non ho potuto prendere l’abitudine perché ci ritiravamo presto allora. Comprendo che per i giovani di oggi è diverso, giustamente differente, ma se il dettato costituzionale fosse - come dovrebbe - essere rigorosamente rispettato anche per un giovane imprenditore rampante dovrebbero essere rigorosamente vietate e puntualmente perseguite pratiche aziendali che mettono in pericolo la salute e la sicurezza dei lavoratori. A ben vedere quella non è libertà d’impresa come non è violazione delle libertà introdurre motivate (sottolieo motivate su base scientifica) e ragionevoli (sottolineo: ragionevoli) limitazioni previste dalla legge ordinaria.
La materia è incandesceente, delicatissima e merita riflessione e discussione.

References

  1. ^Che Stato e che Democrazia (www.democraziaoggi.it)
  2. ^Nessun commento (www.democraziaoggi.it)

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon