Rossana Rossanda

Andrea Pubusa

image

(Rossanda, Pintor e Magri)

Per noi giovani della sinistra di fine anni ‘60  Rossana fu una scoperta incancellabile. Insieme a Lucio Magri, Luigi Pintor (nella foto), Valentino Parlato e Luciana Castellina diede vita prima al Manifesto Rivista poi al Movimento e al giornale del Manifesto. Scoprimmo così che il comunismo non aveva solo quella veste ingessata e spuria del c.d. socialismo reale, ma che esisteva una versione, legata a Marx e Gramsci, libertaria e liberatoria.  Il socialismo riprendeva così ai nostri occhi quel significato e quel valore che ebbe per i lavoratori e gli intellettuali della sinistra agli albori del Movimento operaio. Un movimento di sfruttati che trova la via per liberarsi, una società di uguali che si sostituisce alle gerarchie sociali ed economiche del capitalismo. In apparenza questo mondo libertario della sinistra e quello tradizionle si muovevno in parallelo, in realtà si trattava di visioni alternative del futuro.
A noi giovani affascinava il rigore intellettauale e morale. Con Rossana e gli altri del gruppo  la politica, la discussione, il movimento riacquistavano il carattere di un’impresa collettiva senza secondi fini, volta soltanto alla conquista di una società libera e giusta.
La storia ha mostrato l’inattualità del pensiero di Rossana e degli altri del Manifesto, ma è una inattualità “per anticipazione”; non di idee superate si tratta, ma di una riflessione che per divenire egemonia e forza trasformazione richiede una evoluzione della società e dell’umanità ancora di là da venire. Del resto le criticità del mondo attuale, l’accrescersi delle ingiustizie, gli squilibri sempre più diffusi, la distruzione dell’ambiente, i conflitti mostrano che questo mondo ha bisogno d’altro per  progredire in pace, necessità di radicalità, non di moderazione. Qui le idee di Rossana tornano attuali, diventano l’elemento e l’alimento essenziale. Noi che abbiamo avuto la fortuna di conoscerla e di seguirla da vicino negli anni della nostra formazione non possiamo dimenticarla. Vivrà ancora con noi, nelle nostre azioni e, per fortuna anche dopo. Dove c’è una lotta intellettuale, morale e sociale per l’uguaglianza, lì c’è Rossana.

References

  1. ^Referendum taglio parlamentari. Fino all’ultimo minuto per far vincere il No (www.democraziaoggi.it)
  2. ^Nessun commento (www.democraziaoggi.it)

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon