Fucilieri o fucilatori? Ai giudici romani la sentenza

Andrea Pubusa

image

Sempre di più non capisco se sono io “arrevexiu“, bastian contrario, o gli altri fuori di senno. Prendete la questione dei fucilatori dei due pescatori indiani. Dopo otto lunghi anni l’arbitrato internazionale ha stabilito che i due marò vanno giudicati in Italia. Depositata la decisione, si è levato un plauso generale, un coro di giubilo. Un senso di diffuso orgoglio nazionale. Politici e ministri hanno gridato ala vittoria. Si è compiaciuto anche il Presidente della Repubblica, di solito cauto e riservato. Molti hanno gridato “finalmente liberi”, come se i due fucilatori fossero stati prosciolti. In realtà, la Corte dell’Aia ha risolto solo una questione di competenza: il giudizio spetta alla magistratuta italiana, non a quella indiana. La decisione dovrebbe rasserenare i due marò sulla terzietà del giudice italiano, anche se, onestamente, non si può dire che l’India abbia mostrato accanimento contro i nostri due militari. Li ha mandati addirittura in licenza.
Terzietà e imparzialità dunque dei magistrati romani. Niente più, anche se è molto e giusto. La serenita’ del giudice e’ un valore ineliminabile da un giudizio che voglia essere ispirato ai principi del giusto processo. Anzi è quanto dobbiamo pretendere in una vicenda che ci espone al mondo intero e che ha particolari risvolti anche umani: i due imputati hanno sparato e ucciso due miti pascatori, intenti al loro lavoro.
I media hanno subito dato l’assoluzione, perché - sentenziano - i marò “hanno sparato in acqua”. Invero più che in acqua hanno sparato sui due pescatori, ma, da che mondo è monrdo, per spaventare o dissuadere, si spara in aria,  non verso il bersaglio. Comunque la vicenda al più si può dire che ponga problemi dal punto di vista dell’elemento psicologico degli sparatori (dolo o colpa?) perché il fatto è indiscutibile: i due militari italiani hanno sparato e ucciso due persone disarmate. Avevano seri elementi per credere che le due vittime, anziché pescatori, fossero pericolosi pirati pronti all’assalto? Il focus del giudizio è tutto qui. In ogni caso parlare di eroi è fuor di luogo. Essere orgogliosi è insensato, ci sono due vittime innocenti, c’è stato un travisamento completo della situazione reale. La Corte dell’Aia ha già messo un punto fermo: l’Italia deve risarcire le vittime, segno che una responsabilità civile c’è. Su quella penale dei due fucilatori staremo a vedere. Con compostezza, con tristezza, comunque vada. Per rispetto ai due lavoratori innocenti, morti ammazzati.

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon