Anziani, tranquilli! La Carta pensa anche a voi

Andrea Pubusa

image

In vista dell’agognata fase 2, fra le tante proposte bizzarre, c’è anche quella di una disciplina che tolga le restrizioni a tutti, esclusi i vecchi, secondo alcuni sopra i 65, secondo altri 70 o 75. Trattandosi di libertà, il riferimento non può che essere la Costituzione, nella quale c’è la disciplina che tutela i diritti inviolabili e quindi sono previste le limitazioni ammissibili.
Quali norme della nostra legge fondamentale incidono sul tema? Anzitutto l’art. 16: “Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza. Nessuna restrizione può essere determinata da ragioni politiche”. In questo brevissimo articolo sono contenuti tanti vincoli al legislatore a salvaguardia della libertà di movimento. Anzitutto, i limiti possono essere imposti solo con legge, non con regolamenti o altre fonti secondarie. La restrizione può essere solo generale, ossia non può riguardare persone singole o categorie di persone. Il vincolo, cioè, deve avere carattere obiettivo. Si può limitare la circolazione o il soggiorno in un territorio e solo per motivi di sanità e sicurezza. Si può insomma creare una zona rossa, dove tutti non possono entrare o uscire per le suddette ragioni, ma non si può stabilire il divieto solo a particolari categorie di persone. Quindi l’art. 16 non consente la circolazione di tutti, esclusi gli anziani.
Sulla “questione vecchi” incide anche l’art. 3, che enuncia il principio di eguaglianza. Anche questo principio depone per l’illegittimità di un divieto solo in ragione dell’età. Non sarebbe ragionevole, non c’è giustificazione a una simile disparità di trattamento in tema di circolazione. Sarebbe sensato ammettere che tutti possono andare al bar o al cinema, ad eccezione dei vecchi?
E allora, la risposta è decisamente negativa. Una soluzione del genere cozzerebbe manifestamente con la lettera e lo spirito della Costituzione.
Si potrebbe forse pervenire ad un risultato simile solo stabilendo con legge che possono circolare liberamente solo coloro che vanno al lavoro e così mantenere le limitazioni per i pensionati, che a lavoro non vanno. Ma ci sono tante persone che non hanno lavoro e neanche pensione; per loro è difficile giustificare una limitazione come quella per i vecchi; si dovrebbe quantomeno ammettere la libera circolazione anche per coloro che cercano lavoro. E gli occupati potrebbero uscire per puro svago, vietando però questa facoltà ai vecchi? Ci vuol poco a comprendere che il quadro diventa complesso e scivoloso. Ingestibile.
Come si vede, ogni ipotesi di disparità di trattamento in ragione dell’età, crea problemi quasi insolubili. Non è meglio rimanere alle cose semplici e ragionevoli? Si eliminano totalmente le restrizioni quando il virus è sconfitto o è talmente limitato da potersi considerare nullo. Senza questa condizione, è bene lasciare  le cose come sono ora, semmai prevedendo, con prudenza e in sicurezza, l’apertura di altri settori produttivi, ma anche qui non  scordando l’art. 41 Cost. secondo cui “l’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana”. Quindi prima la sicurezza, come dice anche l’art. 32: “la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”. Basta leggere la Costituzione e tutte le proposte estemporanee sulla riapertura o sulle restrizioni, che ogni tanto si sentono o si leggono, svaniscono nel nulla.
Quanto ai vecchi in definitiva possono restare tranquilli, la Costituzione pensa anche a loro.

Fonte: Democrazia Oggi

Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it è un portale web privato, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, non si paga l'accesso al sito grazie al fatto che è autofinanziato e sostenuto dalla semplice pubblicità che compare tra gli annunci.

Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.





Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie