Il dopo coronavirus: “tutto come prima?”. No grazie! “Tutto il contrario di prima!”. Occorre un rivolgimento sociale nel segno dell’uguaglianza! Un tempo si chiamava socialismo

Andrea Pubusa

image

Tornerà tutto come prima“. Se c’è una cosa che dobbiamo fare è combattere col coltello fra i denti e senza esclusione di colpi perché niente sia come prima. Il virus ha messo a nudo le intollerabili storture della società in cui viviamo. Fin nelle azioni che vengono assunte ad esempio di buonismo è insita una conclamata ingiustizia. Milionari che erogano in beneficienza somme superiori a quelle del bilancio di taluni stati, magnati, attori, calciatori, manager e stars varie che hanno introiti inimmaginabili a fronte della miseria più nera della moltidudine. Crescono a dismisura i poveri, senza lavoro, che fanno la fila per avere un pacco spesa. Scusate, ma in questo non vedo l’impegno che pure c’è di chi dà o raccoglie, c’è a monte l’ingiustizia sociale che lancia un urlo assordante, che non può farci dormire tranquilli.
Vogliamo tornare a tutto questo? Vogliamo che l’accumulazione sia così iniqua che le legge della giungla, del mercato riprenda il sopravvento? Vogliamo che la gelida legge del profitto sprigioni i suoi spiriti animaleschi? A questo “prima” vogliamo tornare?
Credo di no. L’unica difficoltà che vedo - e non è poco! - è la mancanza di una sinistra radicale in Italia e nel mondo capace di guidare un movimento di così profondo cambiamento. Quindi non saprei su chi contare, ma un rivolgimento è più che mai necessario. Una rivoluzione sociale e istituzionale che rimetta le cose a posto. Niente come prima. Mentre le finte sinistre liberiste amainano bandiera, noi la bandiera rossa del socialismo dobbiamo levarla di nuovo con forza e orgoglio. Se andiamo a vedere nei valori del socialismo italiano e internazionale delle origini troviamo la risposta, almeno in linea di principio, a tutti i mali di questa società ingiusta. Dalla pace, alla solidarietà fra i popoli (internazionalismo) e le persone (egualitarismo) alle libertà formali e sostanziali tutto troviamo in quel ricco patrimonio di pensiero e di azione, di cui òa Comune è stata emblema.
Il punto più delicato, come ha spesso sottolineato Norberto Bobbio insieme a tanti altri pensatori liberalsocialisti, è la questione delle libertà,  è il bilanciamento preciso tra la necessaria avocazione al pubblico delle produzioni o degli strumenti di produzione, e l’accrescimento delle libertà unendo a quelle formali quelle sostanziali.
Questo investe anche il ceto medio, almeno quello finora garantito o appagato, che deve decidere se val la pena qualche piccolo sacrificio per un’eguaglianza diffusa e una società giusta. Un ceto medio che spesso vede aprirsi per i porpri figli lo spettro dell’insicurezza e della povertà.
Qualcuno pensa che sto vaneggiando, e forse è vero. Ma attenti, da questa crisi non si esce senza grandi sacrifici; per parlarci chiaro, senza prelievi pesanti, da chi ha conti in banca, stipendi o pensioni più alti come si potrà evitare uno squilibrio sociale come quello che si manifesta e si prospetta. E’ inutile credere che si darà un pasto a tutti o una garanzia minima, senza toccare e con pesantezza le leve della imposizione fiscale. Salvini, Meloni e altri, quando dicono che bisogna spendere di più e insieme abbassare le tasse, o non sanno quel che dicono o sanno di mentire clamorosamente. E così anche molti del centrosinistra. No, il momento richiede parole di verità, e cioé che, per riprenderci, ci vogliono sacrifici; il momento e richiede anche una indicazione precisa: a cosa questi sono diretti?Se non si dicono queste parole di verità, il risultato non sarà “tutto come prima“, ci sarà un ennesimo balzo verso nuove disuguaglianze e ingiustizie più feroci.  Dire parole di verità sui sacrifici comporta anche affermare con chiarezza che si cambia tutto e si chiama alla mobilitazione il popolo che oggi sta reggendo la baracca, dai lavoratori che producono beni e servizi essenziali agli operatori sanitari, giù giù fino a chi sta a casa senza entrate.
A questi si devono dire parole di verità e di lotta. Il buonismo strappacuore e il volemose bene fanno solo danni. Fanno tornare tutto come prima. Ciò che bisogna assolutamente evitare.

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon