Roberto Porrà

Andrea Pubusa

image

Roberto ci ha lasciato. In silenzio, come era suo costume vivere. Roberto l’ho conosciuto negli anni verdi in cui volevamo cambiare il mondo. Lui allora giovanissimo faceva parte della seconda generazione rispetto ai noi sessantottini di qualche anno più grandi.  C’erano, per capirci, i Tonino Dessì, i Franco Ventroni, i Gigi Sotgiu e tanti altri. Lui faceva parte di quel folto gruppo di cattolici che allora fecero una scelta di campo, e insieme, a noi venivamo dal Manifesto, fondammo il PDUP. C’era anche Franco Meloni, che oggi ben lo ricorda su Aladinpensiero[1].
Roberto è uno di quelli che può vantarsi d’aver lasciato il mondo, mantenendo saldi gli ideali della sua giovinezza: uguaglianza, libertà e solidarietà, ma nella sua versione più vera, non solo materiale, che si chiama fratellanza. E così anche se, sciolto il PDUP, ognuno aveva preso la sua strada, eravamo sempre uniti nella grandi battaglie, e non c’era marcia per la pace, 25 aprile, manifestazioni ambientaliste e simili, in cui a un certo punto non me lo trovavo vicino, col suo amichevole sorriso.
Una grande persona, un grande compagno, che ha preso sul serio la vita. E lo ha dimostrato anche nel suo lavoro di archivista che ha svolto col piglio del ricercatore, fino ad ottenere una docenza universitaria, grazie alle numerose pubblicazioni. Da buon cagliaritano è stato grande esperto di Sant’Efisio e di Bonaria, su cui ha scritto pagine fondamentali.
Io non potevo non pensare a lui quando ho avuto il problema di risolvere un quesito che mi tormentava fin da bambino, e cioè di scoprire che era la mitica Donna che viveva latitante in un palazzo antistante la grande sorgente della mia bidda, Nuxis. Una donna importante, che - secondo la narrazione popolare - ferrava i cavali al rovescio per depistare i suoi nemici. Roberto, con la solita gentilezza, fece una ricerca e mi rispose con un articolo[2] che ho pubblicato in questo blog. Lui, gentilmente, mi segnalò una notizia sul primo parlamento sardo, di cui conto con un post[3]. Dovevamo tenere una conferenza in paese, ma non ne abbiamo avuto il tempo.
Roberto faceva parte di quella riserva democratica, silenziosa ma sempre vigile, impegnata, combattiva, che ha concorso più volte a salvare la Costituzione e l’onore del Paese, da ultimo nel referendum del 2016. E io, anche se non lo vedevo spesso, l’ho sempre segnato fra le persone che onorano il senso di chiamarci compagni.
Roberto, la tua fede ti mette certo nel luogo dove vanno i giusti, ma lì ti mette anche chi, come me, s’illude d’essere solo un uomo di buona volontà.
Condoglianze alla signora e famiglia, e al mio speciale amico e collega di corso Salvatore, fratello di Roberto.


References

  1. ^ Aladinpensiero (www.aladinpensiero.it)
  2. ^ con un articolo (www.democraziaoggi.it)
  3. ^ con un post (www.democraziaoggi.it)

Fonte: Democrazia Oggi

Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it è un portale web privato, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, non si paga l'accesso al sito grazie al fatto che è autofinanziato e sostenuto dalla semplice pubblicità che compare tra gli annunci.

Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.





Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie