La ripartenza? Un rinnovato impegno civile

Caterina Gammaldi

 

image

.[1]

 [2]

Leggo Riccardo Luna e Ilvo Diamanti su Repubblica, ascolto il ministro in TV, leggo le centinaia di messaggi che arrivano via mail, whatsapp, i post su facebook e mi domando se oggi è il tempo giusto per immaginare il futuro. Penso di sì e allora comincio a scrivere i pensieri che affollano le mie giornate ora che non vivo la quotidianità del fare scuola. Sono una insegnante in quiescenza e tanto basta credo per descrivere quel che sento. Mi emozionano i bambini che dicono “quando sarà finita questa tragedia… e torneremo a incontrarci”, gli adolescenti, gli “sdraiati” che scrivono “mi manca la scuola” e sorrido ripensando alle tante volte che mi è capitato di cercare di capire perché molti studenti non ne fossero attratti.
In un tempo sospeso qual è quello che i nostri bambini e i nostri ragazzi stanno vivendo, talora inconsapevoli, rivive in me una consapevolezza antica, la dimensione politica del mestiere dell’insegnante. E mentre mi passano davanti episodi di vita quotidiana che mi hanno vista insegnante in Lombardia e in Calabria, penso che toccherà agli adulti ancora una volta affrontare il tema del vivere al mondo, dando tutti gli strumenti del sapere per comprenderlo. Il passato di chi come me è nata, finita la guerra, incombe. Ne abbiamo sentite raccontare tante dai nostri genitori, dai nostri nonni, impegnati a ricostruire nelle nostre vite il senso del “sortirne insieme”. È toccato a noi oggi più che settantenni immaginare un mondo solidale, capace di riconoscere l’altro quale che fosse la sua provenienza. Non è stato facile convivere con le logiche del profitto e del mercato. Avremmo voluto ben altra società per i nostri figli e oggi per i nostri nipoti. Siamo stati alcuni di noi di parte, ovvero partigiani difendendo sempre i diritti e i doveri costituzionali, soprattutto per i più deboli. Se oggi, in un presente oscuro, che appare difficile da vivere, ci sentiamo impegnati a immaginare il futuro è perché sappiamo che è questo il tempo per vivere nella prospettiva che se c’è una ripartenza, non può che essere quella dell’impegno civile  a “rimuovere gli ostacoli”, di cui all’art. 3 della nostra Costituzione. Viviamo in una democrazia imperfetta ma è l’unica idea di futuro che riesco a immaginare.

References

  1. ^ . (www.google.com)
  2. ^   (www.google.com)

Fonte: Democrazia Oggi

Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it è un portale web privato, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, non si paga l'accesso al sito grazie al fatto che è autofinanziato e sostenuto dalla semplice pubblicità che compare tra gli annunci.

Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.





Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie