Sarda News - Notizie in Sardegna


Si allarga il fronte del NO. Appello di giovani attivisti contro il taglio

Red

6b63e0ab-f50a-4f1d-a3be-a633499c3f15
APPELLO DEI GIOVANI ATTIVISTI CONTRO IL TAGLIO DEI PARLAMENTARI[1]

Mentre il SI’ tace, privo di argomenti, si ingrossano le fila del NO ed è già tempo di coordinarsi. Insieme al Costat, altri si pronunciano per il NO e preparano iniziative. Il Comitato dei Comitati per il NO, coordinato da Marco Ligas, terrà una riunione regionale giovedì a S. Vero Milis, un gruppo di esponenti del PD ha manifestato apertamente il proprio impegno contro il taglio, a difesa della rappresentanza. Fra queste prese di posizione di grande interesse è l’ appello di un gruppo di giovani attivisti contro il taglio dei parlamanetari, denominato NOstra. Eccolo.

Ormai da troppo tempo navighiamo nelle secche di una generalizzata e demoralizzante crisi delle istituzioni democratiche, il cui precipitato consiste nella disaffezione dall’attivismo politico, nel tendenziale aumento dell’astensione elettorale e nell’affermazione di modelli di mobilitazione improntati, nel peggiore dei casi, al leaderismo reazionario e, nel migliore, allo spontaneismo di piazza.
Le forme di partecipazione mutano, si dice: probabilmente non si ha il coraggio di sostenere la loro inequivocabile degenerazione. Una degenerazione che il Paese dolorosamente subisce senza riuscire a superare. Una degenerazione ascrivibile principalmente ad un numero chiuso di fattori determinanti, identificabili nella cattiva qualità della classe dirigente (derivante dalla inidoneità dei metodi di selezione della medesima) e nella crisi dei corpi intermedi (partiti, sindacati, associazioni) e del parlamentarismo rappresentativo e pluralista.

La crisi della democrazia è pienamente identificabile con il venir meno della fiducia riposta dai cittadini nei confronti dei processi democratici: senza tale sentimento condiviso sembra allentarsi il “pactum unionis” che lega gli individui nel consorzio civile, e che ne regola la pacifica convivenza.

In un panorama come questo, già fonte di preoccupazione, un legislatore avventato ha approvato una legge di revisione costituzionale che produce una significativa diminuzione del numero dei membri delle Camere senza alcun correttivo istituzionale, producendo un allargamento della faglia da tempo già apertasi nel meccanismo della democrazia rappresentativa e mediata.

La malattia della nostra Democrazia rischia, a questo punto, di essere irreversibile.

In caso di promulgazione della legge costituzionale, infatti, la Camera dei Deputati perderebbe 230 membri, e il Senato 115. Una perdita secca di rappresentanza democratica, senza alcun contrappeso istituzionale o costituzionale.

Un’eventuale vittoria del “SI” causerebbe una netta riduzione di parlamentari eletti, determinando un danno in particolare per i territori periferici, nonché per le minoranze parlamentari, segnatamente per i piccoli gruppi parlamentari, che sarebbero costretti, in ragione del contingentato numero di eletti, a diminuire significativamente il numero di commissioni nelle quali inviare i loro membri.

L’effetto combinato di queste dinamiche è alla fine dei conti soltanto uno: l’aumento del potere parlamentare delle maggioranze al prezzo del sacrificio di quello delle minoranze. Tutto ciò a discapito del pluralismo parlamentare. Altro che intervento contro la cosiddetta “casta”!

A ciò s’aggiunga che la principale motivazione addotta dai proponenti a sostegno della riforma è il risparmio di spesa, il quale si dovrebbe assestare sui 57 milioni di euro all’anno, pari a circa lo 0,007% della spesa pubblica totale: un valore ridicolamente esiguo se confrontato con le grandezze della contabilità di Stato.

Ma a prescindere dalla rilevanza del risparmio, va anzitutto respinta la vulgata demagogica secondo la quale sia necessario operare un risparmio sui costi degli organi costituzionali: essi rappresentano il fermento vitale del vivere democratico, e non possono in alcun modo subire il condizionamento derivante dal contingentamento delle risorse. Il vero costo sarà pagato dagli italiani, in termini di qualità della rappresentanza democratica.

I rischi che si corrono in questa fase di transizione sono alti: un ulteriore indebolimento degli strumenti di democrazia e rappresentanza rischia di accentuare il carattere elitario dell’attuale assetto dei poteri, con conseguente accentuazione dell’inquietante fenomeno della tecnicizzazione della decisione collettiva. Sono principalmente le nuove generazioni a correre il rischio di ritrovarsi senza colpo ferire in quella che qualcuno ha definito postdemocrazia, un nuovo stadio della vicenda sociale dove la prassi politica non sarà interpretata ma soltanto subita dalla cittadinanza.

Per questi motivi e per altre ragioni di natura tecnico-giuridica, suffragate dalle autorevoli opinioni di alcuni tra i più importanti costituzionalisti italiani, sosteniamo la mobilitazione popolare a sostegno del NO nel futuro referendum confermativo della revisione costituzionale: per rispedire al mittente il disegno di una democrazia quantitativamente e qualitativamente mutilata e per sostenere con coraggio un’altra idea d’Italia, di democrazia, di vita istituzionale, fondata sulla “partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.
Il documento è sottoscritto da un folto numero di persone, primi firmatari Jacopo Ricci – Portavoce Nazionale NOstra e Giuseppe De Ruvo – Responsabile Organizzazione NOstra. Ci sono anche sardi nella lista, primo fra tutti il coordinatore di NOstra, Andrea Zuddas.

Fonte: Democrazia Oggi


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.




Sardanews.it è un portale web privato, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, non si paga l'accesso al sito grazie al fatto che è autofinanziato e sostenuto dalla semplice pubblicità che compare tra gli annunci.
Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser.






Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

Booking.com