Gioco d’azzardo e bombe vietate…del tutto o poco poco?

 Amsicora

image

 Amici miei, forse sono presuntuoso, avete notato che scrivo sempre meno? Volete saapere il perché? Non ci sono dietro ragioni complesse, c’è solo un calo d’ispirazione. Lo scenario non è per nulla divertente, non si presta a osservazioni argute. Notizie horror che giornali e tv lanciano con dovizia di particolari orripilanti. Pugnalate, sangue a zampilli, sparatorie folli sulla folla e simili amenità. Chi ha voglia di scrivere?
Ma anche venendo alla politica o all’alta amministrazione c’è poco da spassarsela. Prendete il presidente dell’Agcom Marcello Cardani. Ha preso carta e penna e ha avvertito il governo che il divieto di pubblicità del gioco d’azzardo previsto dal decreto Dignità ed entrato in vigore a metà luglio è difficile da applicare. Gli operatori stranieri non possono essere sanzionati in Italia. Ergo, vengono svantaggiate le aziende italiane. Ergo - sembra di capire - meglio come prima. Non solo gli stranieri, ma anche gli italiani facciano propaganda per il gioco d’azzardo e lucrino sulla rovina altrui. Poi il nostro polemizza con Di Maio che si era permesso nientemeno di dire una cosa sacrosanta: “Il gioco d’azzardo è come una droga: rovina ragazzi, adulti e intere famiglie”. “Ora l’Agcom, che è l’autorità per le comunicazioni, ha talmente annacquato il divieto che sta praticamente dicendo a tutte quelle famiglie ‘sì, il Ministro ha vietato la pubblicità, ma noi la rimettiamo, in modo che tuo figlio giochi ancora, e ancora’. Parole sante in un paese in cui il gioco d’azzardo è ancora reato. Codice penale: art. 718. “Chiunque, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, o in circoli privati di qualunque specie, tiene un gioco d’azzardo o lo agevola  è punito con l’arresto da tre mesi ad un anno e con l’ammenda non inferiore a duecentosei euro”.
In questa situazione invitare i signori dell’Agcom a dimettersi e il minimo che si può fare. Del resto  a settembre dice il vice premier “cambieremo i vertici“, il cui mandato di sette anni è comunque scaduto il 26 luglio. “Che cavolo di Paese siamo se un Ministro vieta la pubblicità e una authority la permette di nuovo?” – chiede provocatoriamente il capo politico del M5s. E come dargli torto?
Curiosa la risposta di Cardani: “l’Authority non può essere considerato un ufficio di diretta collaborazione di un ministro”. Bravo! Ma neanche di diretto ostacolo all’azione di governo! E neanche di favore alla elusione delle leggi. O no?
Interviene sulla questione il PD e che fa? Sostiene il contrasto al gioco d’azzardo o parla d’altro? Non ho tempo da perdere. La risposta datela voi.
[1]

* * * * * *

Abbiamo parlato di gioco d’azzardo. Ma se passiamo alle produzioni stragiste, la musica non cambia. Sindaci (non tutti) e sindacati del Sulcis, dopo il blocco delle esportazioni allo Yemen, non si sentono sollevati dal fatto che i crimini contro l’umanità perpetrati nello Yemen (parola del Consiglio d’Europa) non vedono più il concorso indiretto di chi produce gli ordigni. No, quandomai! Non vedono le famiglie e i figli altrui, ma pensano ai propri. E li pensano anche a prescindere dall’art. 11 Cost., i trattati internazionali, le risoluzioni dell’ONU e del Consiglio d’Europa e la legge italiana, che tutte vietano l’esportazione di armi a paesi non europei belligerati, tanto più se - più che sospettati - di crimini contro l’umanità (sempre parola del Consiglio d’Europa non del Comitato per la riconversione RWM). Dove pensano di andare a parare questi statisti? Non è più ragionevole rientrare nella legalità costituzionale e internazionale e battersi per una riconversione? Non è che insistere per la produzione di bombe sia autolesionistico? Non ho tempo da perdere. La risposta a voi.

image

(strage di Natale in Yemen)

References

  1. ^   (www.ilfattoquotidiano.it)

Fonte: Democrazia Oggi

Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it è un portale web privato, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, non si paga l'accesso al sito grazie al fatto che è autofinanziato e sostenuto dalla semplice pubblicità che compare tra gli annunci.

Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.





Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie