Rwm. Governo blocca l’esportazione e il transito di bombe e missili

Andrea Pubusa

image

(imbarco a Elmas di bombe per l’Arabia saudita: quanti bambini hanno fatto a pezzi?)

Stamane alle 12 in punto ero al Tar, continuando la battaglia giudiziaria contro RWM, Comune di Iglesias e Regione sul raddoppio degli impianti di produzione di bombe. Ero lì, con mio figlio Paolo, per assistere al giuramento del perito d’ufficio. Ho detto al giudice che la causa probabilmente avrebbe perso senso perché il governo aveva annunciato il blocco delle esportazioni delle bombe made Domusnovas. Non sapevo che il governo aveva provveduto in contemporanea allo stop. Non sapevo che la  RWM aveva già rivolto un appello ai lavoratori della fabbrica annunciando l’ordine del governo.
Ero turbato nell’aula di giustizia perché lì si discuteva del carattere chimico o meno della produzione di Domusnovas, elemento decisivo per vincere o perdere la causa. Pensavo che in un paese serio, che ha l’art. 11 della Costituzione, che ripudia la guerra, i dirigenti della fabbrica avrebbero dovuto essere alla sbarra per concorso in crimini di guerra. Capito c’è concorso in crimini contro l’umanità, secondo la risoluzione del Consiglio d’Europa, e noi lì a discettare se c’è o non processo chimico nella produzione delle bombe!
Poi ecco il Comitato Riconversione Rwm mi invia la bella notizia e l’incazzo si attenua, mi sta passando mentre scrivo. Ma non posso dimenticare in che mondo viviamo, se una fabbrica ha prodotto fino ad oggi bombe per fare a pezzi bambini, donne e uomini e per ditruggere ospedali, case e città. Se i sindacati dei lavoratori sono per la produzione di bombe, se il Comune di Iglesias, un tempo culla del Socialismo sardo, e la Regione sarda, terra di Lussu e Gramsci, sono gli avversari arcigni contro cui combattiamo per ottenere l’annullamento dei loro atti autorizzatori a produrre in maggiore quantità ordigni stragisti. Ma per ora mi accontento e dico “Grazie Conte”. E qui mi fermo.

Fonte: Democrazia Oggi

Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it è un portale web privato, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, non si paga l'accesso al sito grazie al fatto che è autofinanziato e sostenuto dalla semplice pubblicità che compare tra gli annunci.

Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.





Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie