Autonomia differenziata: egoismo del Nord o inerzia del Meridione?

Andrea Pubusa

Risultati immagini per autonomia differenziata foto

Si leggono da tante parti molte critiche al regionalismo differenziato. Attenterebbe nientemeno che all’unità del Paese. Renderebbe i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. E’ un progetto perverso delle regioni del Nord a guida Lega/PD ed altre amenità di questo genere.  Beniamino Moro da L’Unione sarda ci ha ricordato che taluni parlano addirittura di “golpe tecnico”, perché queste decisioni riguardanti tutti gli italiani sono rimesse all’esecutivo nazionale e a tre regioni del Nord. L’economista cagliaritano, con più moderazuione, paventa invece “soltanto” un salto nel buio.
Vogliamo dire la verità? In questa vicenda non c’è nessun complotto e nessun golpe. Tutto si è svolto alla luce del sole e in linea col dettato costituzionale. Il regionalismo differenziato non è frutto di un colpo di mano pepetrato nottetempo, è frutto della revisione del titolo quinto di marca centrosinistra (2001), confermato con referendum popolare. E vogliamo aggiungere un’altra considerazione, che ne costituisce corollario? Erano le forze del centrosinistra del Nord a porre, negli anni ‘90, la c.d. “questione settentrionale”, ossia a spiungere sull’idea di rafforzare le regioni dell’alta Italia. E vogliamo ricordare che fu in quella temperie che fu cancellata dalla Costituzione la storica questione meridionale recepita nell’originario terzo comma dell’art. 119: “Per provvedere a scopi determinati, e particolarmente per valorizzare il Mezzogiorno e le Isole, lo Stato assegna per legge a singole Regioni contributi speciali”. Come si vede non si prevedono solo “scopi determinati“, ossia interventi speciali, ma anche la “valorizzazione“, che evoca interventi organici per lo sviluppo. Evidente qui la matrice politica e culturale comune con l’art. 13 dello Statuto sardo: “Lo Stato col concorso della Regione dispone un piano oranico per favorire la rinascita economica sociale dell’Isola“. Ora, mentre l’art. 119 è stato modificato, la norma statutaria è ancora vigente. La Sardegna ha dunque a disposizione la procedura volta ad attivare l’autonomia differenziata, la stessa su cui s’incentra l’iniziativa del Lombardo-Veneto e dell’Emilia Romagna e l’art. 13, che è pur sempre norma costituzionale, su cui si può fondare un piano di valorizzazione organica della nostra Isola.
Riassumendo: yutte le regioni italiane possono ricorrere all’art. 116, comma secondo, e chiedere il rinforzo delle loro competenze. Non lo fanno complottando, ma in applicazione della Costituzione nel testo voluto non da chissacchì, ma dal centrosinistra. La Sardegna a questa opportunità somma anche il ricorso all’art. 13 dello Statuto che è un pezzo di Costituzione.
E allora basta lamentazioni! Lasciamo stare la fantapolitica del complotto antiunitario! Noi sardi mettiamo l’insularità fra le prospettive. Impegnamoci subito sul terreno delle proposte di sviluppo dei poteri e dell’economia, su cui abbiamo copertura costituzionale. Se non lo facciamo non attribuiamo la responsabilità alle manovre e alle cattive intenzioni altrui, prendiamocela con noi stessi. Vogliamo dircela tutta? Noi in sardegna e al Sud siamo degli incorreggibili chiaccheroni. Gli altri invece fanno. Di grazia, possiamo fare qualcosa anche noi? Che non è la semplice opposizione alle iniziative altrui, ma semmai una proposta volta a mantenere un giusto bilanciamento tra esigenze unitarie dell’ordinamento e ragioni dell’autonomia e a modellare un nuovo accettabile equilibrio tra i poteri autonomi e le risorse finanziarie delle diverse regioni.

Fonte: Democrazia Oggi

Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it è un portale web privato, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, non si paga l'accesso al sito grazie al fatto che è autofinanziato e sostenuto dalla semplice pubblicità che compare tra gli annunci.

Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.





Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie