Cari lavoratori RWM…

Andrea Pubusa 

Risultati immagini per lettera foto

Lettera aperta ai lavoratori RWM

Cari lavoratori RWM,

il mio impegno ininterrotto, da oltre mezzo secolo, nel movimento dei lavoratori della Sardegna e del Sulscis, credo legittimini questa mia lettera aperta. Mi induce a questo gesto, altrimenti pretestuoso e presuntuoso, la comune preoccupazione per la situazione d’incertezza sul vostro futuro lavorativo, legato alle sorti della RWM.
Vorrei sgombrare subito il campo da insinuazioni, sospetti e illazioni. Nessuno di noi, che ci opponiamo alla produzione di bombe, neanche per un attimo smette di preoccuparsi e di pensare al vostro futuro. Siamo democratici, da sempre schierati dalla parte del lavoro e dei lavoratori e, quindi, per noi il vostro futuro sta in cima ai nostri pensieri. Abbiamo rispetto sacrale della Costituzione che pone il lavoro come asse del nostro ordinmento, qualifica il diritto ala lavoro come diritto fondamentale e vuole che i lavoratori e le loro famiglie abbiano una vita libera e dignitosa. Quindi noi siamo e saremo sempre dalla vostra parte, senza se e senza ma.
Proprio per questa nostra scelta di fondo, vi invitiamo a riflettere sulla situazione con lucidità e realismo. Occorre partire da un dato indiscutible. La produzione e il commercio di armi e ordigni a paesi in guerra è vietato[1] da una serie coerente di norme e trattati che vanno dall’ONU al Parlamento europeo, alla  Costituzione e alla legge italiana. Sul piano giuridico quel commercio è indiscutibilmente vietato. Il che significa che prima o poi quelle produzioni dovranno cessare. Oggi si svolgono in violazione del diritto interno e internazionale.
In questo contesto insistere nelle produzioni, spingere per il raddoppio dello stabilmento è apparentemente rassicurante per voi, in realtà protrae una situazione di illegalità che in qualsiasi momento può essere causa di sospensione della produzione o della sua cessazione. La stessa RWM può prevenire questa evenienza, trasferendo le produzioni altrove. In questa situazione l’unica posizione responsabile è quella di impegnarci tutti, governo nazionale e regionale, sindacati, forze politiche e sociali a ricercare una riconversione possibile in settori di avvenire meno incerto, anzi sicuro. Porsi in questa prospettiva significa spostare in avanti il dibattito, superare il falso dilemma tra pacifismo e difesa dell’occupazione, consentendo di unire le forze, eliminando contrasti e sospetti. Ecco perché non è condivisibile l’impostazione della riunione di alcuni sindaci[2] dei Sulcis dei giorni scorsi a Domusonovas. Si è irresponsabilmente insistito nella difesa di produzioni e commerci ormai fuori legge, si è ammantata questa posizione di realismo, mentre non lo è, si è tacciata la richiesta di rientro nell’alveo della legalità internazionale e nazionale come imbelle ideologismo. Il discorso invece, per essere realistico e utile, deve essere capovolto: occorre muovere dal quadro giuridico che vieta il commercio delle vostre bombe e, partendo da questa base comune, ricercare la soluzione che salvaguardi al meglio il vostro lavoro. Solo quando si potrà stare tutti insieme intorno ad un tavolo in spirito collaborativo la vostra sicurezza aumenterà. Le riunioni come quella di alcuni sindaci dell’altro giorno porta la questione in alto mare, la allontana dai suoi termini reali.
Perché il sindaco di Domusnovas non convoca un incontro con questo spirito e con questi fini, chiamando al confronto e alla responsabilità tutti i protagonisti di questa vicenda e, anitutto, i soggetti che possono risolverla nella legalità internazionale e costituzionale? Questo sarebbe l’inizio della scoluzione dei vostri problemi.
Fraternamente
Andrea Pubusa  

References

  1. ^ è vietato (www.democraziaoggi.it)
  2. ^ riunione di alcuni sindaci (www.democraziaoggi.it)

Fonte: Democrazia Oggi

Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it è un portale web privato, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, non si paga l'accesso al sito grazie al fatto che è autofinanziato e sostenuto dalla semplice pubblicità che compare tra gli annunci.

Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.





Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie