Sarda News - Notizie in Sardegna


Elezioni a Cagliari: l’epilogo farsesco del M5S

Fernando Codonesu

M5S cancella il proprio candidato alle elezioni a Cagliari 

Non c’è due senza tre. C’era una volta Mario Puddu, candidato alla Presidenza della Giunta Regionale e in attesa di giudizio per un abuso d’ufficio che qualunque semplice studente di giurisprudenza dava per pericoloso tranne i maggiorenti del M5S e tutto il mondo del click dei dintorni, che si esprime più o meno coscientemente sulla piattaforma Rousseau. Sappiamo come è finita.
Poi, anziché far tesoro della consultazione online che aveva indicato anche un secondo classificato che, a rigor di logica (ma pare che questa sia sconosciuta in quel mondo) sarebbe potuto essere il candidato naturale, si è proceduto ad una nuova consultazione che ha indicato quella brava persona di Francesco Desogus come aspirante alla carica di governatore con la solita “lista Carneade” nel nome del 42% delle politiche del marzo 2018, dando per scontato che da lì e dai grandi risultati (si fa per dire!) delle politiche governative dovessero arrivare i voti degli elettori. Nessuna alleanza, nessun contratto, nessun tentativo di coinvolgere altri movimenti, liste civiche e comitati pur presenti a centinaia nel territorio sardo che, però, sembrano del tutto estranei al M5S, al punto che la stessa lotta che ha visto il mondo dei pastori scendere in campo con una determinazione sentita e diffusa tra la popolazione sarda come non mai, non ha registrato non dico una linea politica, ma neanche un semplice tweet, cosa questa più congeniale e meno faticosa.
E i 16 parlamentari (ora 15) eletti con i 5S? Desaparecidos!
Era sensato pensare che con una forza così rappresentativa in un solo gruppo politico governativo la Sardegna avrebbe potuto e dovuto avere la possibilità di soddisfare alcune delle sue aspirazioni storiche e mettere su vie percorribili anche annose questioni, come le servitù militari, per esempio, e il deficit infrastrutturale nei confronti della penisola: energia, strade, credito, trasporti, continuità territoriale per le merci e le persone, ecc.
Invece niente. Nessun progetto, nessuna manifestazione, nessuna idea, nessun tweet, niente di niente sui problemi della Sardegna. D’altronde se pensiamo alle servitù militari, nella precedente legislatura Roberto Cotti si era mosso positivamente in lungo e in largo, con una visibilità anche a livello internazionale sul tema e il risultato quale è stato? Non solo non è stato premiato, ma è stato letteralmente cancellato: nessuna candidatura neanche per lui. A questo punto, tale scelta si spiega solo con il fatto che non risultava del tutto allineato, o se preferite, in fase, con Di Maio e il suo cerchio magico.
Sembra di capire che chi lavora su problemi veri e non va a Roma solo per assecondare il capo non abbia vita facile in quel partito.
Il risultato delle regionali è il frutto di quelle regole e, soprattutto, dell’assenza reale dei parlamentari dai problemi della Sardegna. Il buon Desogus, armato di un archibugio malandato nulla poteva contro la corazzata del centrodestra e l’armata del centrosinistra a guida Zedda (su questo ci torno dopo).
Se poi vogliamo fare un approfondimento sulla cosiddetta democrazia diretta, quella per intenderci che auspica il superamento del parlamento e confonde la partecipazione democratica fondata sulla discussione, l’approfondimento, il riconoscimento della complessità dei problemi e il ruolo della politica come sintesi tra interessi e posizioni diverse, con un click più o meno consapevole, dietro il muretto a secco della tastiera, ci arriviamo subito.
Dal mio punto di vista, è questa una concezione della democrazia e della rappresentanza che ha portato all’approvazione al buio di un DEF senza avere avuto a disposizione neanche i documenti di base, come a votare a favore di Salvini sul caso Diciotti perdendo non solo elettori, ma alcuni dei principi ispiratori all’origine del M5S e, soprattutto, rendendo “inutile” di fatto il ruolo del parlamento, chiamato solo a ratificare decisioni prese altrove. Insomma, chi si affida ad una piattaforma informatica, Rousseau, che presentava (e ora?) falle da tutte le parti al punto da avere una sonora sanzione da parte dell’autorità per la protezione dei dati, allora alcune cose risultano più chiare. Cosa ci insegna infatti il provvedimento n. 83 del 4 aprile del Garante per la protezione dei dati personali che consiglio a tutti di scaricare dalla rete e di leggere con attenzione? Insegna che non è garantito il segreto del voto e la sicurezza contro le manipolazioni. Insomma, un grave pasticcio: che democrazia!
Ma arriviamo all’epilogo di Cagliari. Da tre anni i due consiglieri di Cagliari hanno fatto il loro lavoro, con una presenza assidua in Consiglio comunale e innumerevoli, documentati interventi e proposte da parte del consigliere Pino Calledda. Pino Calledda è un attivista del M5S da anni, ma prima ha fatto anche una apprezzata attività sindacale nel mondo dell’università da cui proviene e, in ogni circostanza pubblica, gli elettori e i democratici cagliaritani hanno avuto modo di apprezzarne le doti umane, la capacità di studio e approfondimento dei problemi, nonché l’equilibrio delle posizioni politiche.
Anche qui, la logica avrebbe voluto che il M5S si basasse sul lavoro fatto ufficialmente nelle istituzioni per individuare il candidato e, comunque, le regole permettevano al consigliere Calledda di presentare una sua lista che ha regolarmente presentato: mal gliene incolse!
Anche lui, come già Cotti, ha il grave difetto di esprimere un pensiero autonomo, peraltro schierato a sinistra, per cui andava osteggiato anche a costo di sacrificare tutto l’elettorato 5S cittadino.
Infatti, un ben identificato cerchio magico (o malefico) gli ha contrapposto almeno altri tre potenziali candidati che, a loro modo di vedere e indipendentemente dalle evidenze reali, sarebbero stati in grado di fare il Sindaco di Cagliari. Uno, Caschili, proveniente da Carbonia e recentemente sconfitto nelle suppletive per la Camera da Frailis, candidato del PD, un’altra neppure residente a Cagliari, e, finalmente, Alessandro Murenu, un campione delle posizioni retrive alla Pillon e del congresso di Verona, contro le unioni civili e l’aborto.
Che grande idea, che grande candidatura!
Insomma, Murenu meglio di Calledda. Bella scelta, non c’è che dire!
Eppure Di Maio ha accettato tutto, tranne riconoscere a posteriori il grave errore, salvandosi in corner con il ritiro del simbolo e della lista.
Ma la cosa più grave è quella di non aver concesso neanche alla lista di Pino Calledda di rappresentare gli elettori cagliaritani. E’ questo il vulnus più grave perché non si è data la possibilità agli elettori del M5S di poter votare per un candidato sindaco di bandiera.
Che logica c’è in queste scelte, che ruolo hanno avuto e hanno i 15 parlamentari del M5S eletti in Sardegna?
Qualcuno di voi può rispondere autonomamente a questa domanda o dovete chiedere l’autorizzazione al vostro capo politico o al capo di quest’ultimo?
Non sentite il dovere di dare spiegazione ai tanti elettori che vi hanno difeso e votato?Anche per fugare il sospetto di decisioni assunte per  non creare disturbo nella scelta del sindaco di Cagliari al centrodestra. Infatti, non bisogna essere scienziati per comprendere che la presenza di una lista del M5S avrebbe sicuramente portato ad un ballottaggio, con possibilità di vittoria per il centrosinistra al secondo turno, cosa che a questo punto è del tutto esclusa e torna a vantaggio del centrodestra che si presenta con il collaudato schieramento delle 11 liste contro un centrosinistra che, pur rappresentato da Francesca Ghirra coadiuvata dalle sue sette liste, dopo la fuga di Zedda in Regione non per la vittoria della leadership quale grande organizzatore dell’opposizione, ma per la sua “sistemazione” per cinque anni, non sembra avere grandi carte da giocare.
Un epilogo triste, sconsolante e di basso profilo, mortificante, che sa più di farsa che di dramma.

Fonte: Democrazia Oggi


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.










Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie