Amsicora

image

Che anno orribile il 2021! Riprende a difondersi in modo abnomre la pandemia. Super Mario, dai magici poteri, non è riuscito neanche a limitarla come invece aveva fatto il buon Conte. Siamo a quota 130.000, 156 morti al giorno! Cresce a dismisura e fra un po’ il Migliore dovrà arrendersi. Tirato da due forze uguali e contrarie, come l’asino di Buridano, sta immobile. La gente sciama, lascia le case e per le vie si spande, e il virus saltella liberamente di bocca in bocca, di polmone in polmone.

La presidenza, bla bla bla a iosa, ma non si muove nulla. ormai non sa che pesci prendere. E i prezzi volano. Gas ed energia + 50%! Eppure il Migliore è così meglio da ogni, così grande che gli si vorrebbe far fare il presidente della repubblica e insieme del consiglio. Su molti milioni di abitanti l’Italia non ha due nomi dignitosi per le presidenza al di fuori di Superman! Neanche per Monti si era arrivati a tanto! E il flop è stato pari al lancio. Splash! Qui forse sarà peggio! E l’accoppiata che ci ha portato a questo disastro? Viene riproposta: Draghi e Mattarella forever!  Per di più  Conte sta zitto, quando i pentastellati gli avrebbero dovuto mettere il tavolo in testa a quei due!
Ma, ahnoi!, poterbbe anche buttar peggio. C’è in campo B. e Casini, e Amato, un film dell’horror! Oppure una donna: Casellati o Cartabia. Deus s’indi campit!  E Conte non pone veti. E la Bindi o Prodi? Neanche a pensarli. Salvini, Meloni e B. non permettono. E la grande stampa libera? Manco a dirlo, non smuscia.

Non si può neanche, girar foglio e passare alla pagina sportiva. Neppure il Cagliari va bene. La marcia del girone d’andata è da retrocessione secca. Ma in questo mondo d’intoccabili anche Mazzarri, visibilmente cotto, non  si discute, ed è stato accantonato Semplici, che l’anno scorso aveva fatto, quello sì, semplicemente un miracolo.
Ma non c’è solo da piangere. Una nota allegra? Viene solo da Solinas: matrimonio da favola, con bombetta e bastone. Neanche Totò e Peppino avrebbero potuto inventare una migliore commedia leggera. Solo che quelli erano comici di professione. Solinas no.
Bah, gira gira, in Sardegna l’unica buona notizia è la bacchettata del Consiglio di stato a RWM, annullato il raddoppio della fabbrica! Ma i sindaci di Iglesias e Domusnovas, se ne fregano, giocano col fuoco e sentenziano: niente preoccuppazione, aggiusteremo tutto noi: sanatoria! Ma non vi sembra paradossale che questi due, sindaco e sindaca, vogliano far di tutto perché RWM produca bombe per far saltare in aria ospedali, asili, pullmini di bambini in Yemen e poi mettano tende per salvare i nosocomi nell’iglesiente? Non li turba il fatto che vengano distutti, grazie anche a loro, quelli yemeniti? Pensano che gli yemeniti non abbiano carne, ossa e famiglia come noi?
Non hanno letto l’enciclica “Fratelli tutti”? Anche gli yemeniti lo sono. In mezzo a questa confusione meno male che c’è Francesco. Che bei discorsi fa! Pochini però lo seguono. Peccato che non apra il tesseramento. La mia sarebbe la tessera n. 1!
Non ci rimane che sperare in un miracolo, come per la salvezza del Casteddu.

Fonte: Democrazia Oggi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.