Sarda News - Notizie in Sardegna


AWP: “AGNELLI SACRIFICALI” PER IL BENE DEL RIORDINO DEL GIOCO

Non vi è ombra di dubbio che le Awp, queste famigerate macchinette installate anche nei migliori casino online, alla fine facciano proprio da “agnello sacrificale” per il proseguire del mondo del gioco d'azzardo, affinchè lo stesso gioco diventi più equilibrato e sostenibile. Quindi, i gestori nei giorni a venire saranno chiamati a decidere della loro “vita o della loro morte” per ottemperare alle disposizioni di legge alla quale chi opera nel gioco lecito non si può, ovviamente, sottrarre.

Entro il 31 dicembre 2017 ogni rete telematica dovrà ridurre del 15% il numero dei nulla osta attivi, percentuale riferibile alla data del 31 dicembre 2016 in cui è scattata la “fotografia” del parco macchinette in capo ad ogni gestore. Poi si arriverà all'altra riduzione del 19,9% entro il 30 aprile 2018. Più “agnelli sacrificali” di così! E sperando, naturalmente, che tutto questo sacrificio porti all'obbiettivo che il Governo si è prefissato di rendere il gioco un settore più agevole e sostenibile e, sopratutto, un gioco lecito più accettabile sui vari territori.

Ma, in pratica, tutto questo cosa comporterà? La trasformazione dell'offerta del prodotto gioco porterà ad un mercato chiuso in determinati numeri, dove non esisterà la possibilità di crescere: il circuito delle Awp sarà, quindi, circoscritto all'interno delle reti telematiche che il mercato “vorrebbe premiare”, ma che in realtà con l'accordo sulla riforma sta penalizzando con i limiti concessi. Cosa si vuole in realtà dal gioco lecito? Si vuole un mercato protetto? Ma non certamente con questi interventi: con le nuove norme, assai probabilmente, si otterrà solo un “mercato vincolato” che limiterà unicamente la concorrenza per ragioni di tutela di interessi pubblici.

Sembra quasi inevitabile che le associazioni di categoria, che da anni “curano” i propri assistiti -operatori di gioco- si impegneranno con tutte le forze per garantire ai propri iscritti il diritto di potersi collocare all'interno di reti telematiche il cui modello di sviluppo contempli e tuteli il ruolo industriale del gestore. E questo tipo di obbiettivo mette il gestore nella possibilità di abbandonare quei circuiti che mirano solo ad espropriare gli asset dei proprietari di Awp: che potrebbe avvenire a mezzo dell'addebito della riduzione solo “ai parchi macchinette” di loro pertinenza, oppure penalizzando gli sviluppi aziendali che sono stati raggiunti nel corso dell'anno.

Saranno battaglie dure quelle che si presenteranno nei prossimi mesi per gli addetti ai lavori: in modo particolare per i gestori il cui ruolo risulta apparentemente rafforzato dall'accordo, ma che in realtà comprenderà responsabilità pesanti, difficili da gestire per il proprio futuro e per quello di quei punti che dovranno forzatamente essere “soppressi” per adempiere ai dictat del recente documento del Governo. Chi pensava che il “gioco” avesse un autuno sereno sbaglia di grosso, si presenta, invece, un “vecchio autunno caldo” come quello di tantissimi anni fa: il che non lascia presupporre assolutamente nulla di buono.

Ma quello che si spera è che tutta la “rivoluzione” e la “riforma” che è stata messa in atto di comune accordo tra Stato, Regioni ed Enti Locali non porti ancora più confusione nel gioco pubblico, più insoddisfazione e più incertezza, poiché di questi “sentimenti” il mondo del gioco pubblico “ha già fatto il pieno” negli scorsi due anni: e nella speranza che non si debba ancora una volta ricorrere ai vari Trar per venire a capo di altre questioni che si potranno creare a seguito del riordino.


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.











Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie