CALA SINZIAS #poesia #mare #sardegna

cala sinzias

E tu ricordi, Anya,
la chilometrica cala, la torre
solitaria tra i barbarici peri,
il derelitto nuraghe
del fico moresco, i cappuccini
pietrificati da Ulisse?
Le dune abbracciate dal ginepro e
da cisti e lentischi coronate
e dall’ambigua ferula, esigua
ombra dove trovava asilo
l’irrequieto cappello del carnoso
cardolino (ma questo non ricordi, Anya,
che nella brutta stagione tu stavi
nella lontana terra di Germania); e pure
non ricordi discese e slalom
dalle dune di ruvida sabbia
ad imitare i Thoeni, Klammer
e Piero Gross; e i muri di Posidonia accatastati
dal fervore dello scirocco autunnale,
tu non li puoi ricordare.
L’imbizzarrirsi dell’onde al tocco umido
e pesante del levante, che l’acqua
intorbidiva e favoriva il venefico
agguato dell’aragna, lo ricordi?
E i turbini dell’impetuoso maestrale,
rapinatore di palle, canotti
e materassi? Il raggelarsi
dell’acqua al terzo giorno
in una tavola che pareva di stagnola?
La strada che lambiva la…

 

Vedi su Albertomassazza's Blog

Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it è un portale web privato, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, non si paga l'accesso al sito grazie al fatto che è autofinanziato e sostenuto dalla semplice pubblicità che compare tra gli annunci.

Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.





Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie