Buttata giù la croce eretta alla Sella del Diavolo di Cagliari: L'assurda vicenda e lo sdegno dei fedeli

E' stata buttata giù, la croce eretta nei giorni scorsi dai dipendenti della Polnato, situata alla base di Capo S. Elia - Sella del Diavolo. Un "regalo alla città di Cagliari" che da qualche giorno splendeva giorno e notte grazie ad un sistema di illuminazione a led. Questa sera è stata eliminata, un gesto incredibile che  crea sdegno tra fedeli e non solo. È stata "deposta" giù per obbedienza a ordini superiori senza menomare l'eventuale rimessa a dimora dagli stessi che l'hanno pensata e realizzata. Secondo quanto riportato dal quotidiano Unione Sarda "la grande croce che si è vista sulla sommità della Sella del Diavolo a Cagliari, è stata installata malgrado l'assenza dell'autorizzazione paesaggistica da parte della Regione: un documento indispensabile, considerato che il promontorio sopra Marina Piccola è patrimonio naturalistico. La Regione aveva contattato la Curia per invitarla a regolarizzare la situazione della grande croce, ma dall'Arcivescovado è arrivata la risposta più inattesa: "Quella croce non è nostra, non ne sappiamo nulla". Solo alla fine si è capito che, a piazzarla lì, erano stati alcuni operai della Marina militare, il cui Comando - appena l'ha saputo - ha fatto rimuovere il simbolo religioso." 

 La croce è un simbolo di fede che nei secoli fa parte della nostra cultura. La vicenda oltre al il rammarico di chi con tanto impegno aveva deciso di "donarla" alla città di Cagliari, ha destato stupore e amarezza nel mondo cattolico Cagliaritano e non solo. C'è chi minaccia una grande processione dalla Basilica di Bonaria ai piedi della Sella del Diavolo di tutta la diocesi, e chi parla di una mentalità dominante che accetta qualsiasi porcheria nella nostra società ma abbatte di contro i simboli della nostra cultura. Senza togliere niente alle moschee che si costruiscono nel nostro territorio... possibile che una semplice croce possa dare così fastidio? Si risolvono tante installazioni abusive in Italia e non si poteva regolarizzare una semplice croce?

 Redazione Sarda News

nella foto in alto la croce buttata giù - in questa in basso la croce nei giorni precedenti.

Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it è un portale web privato, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, non si paga l'accesso al sito grazie al fatto che è autofinanziato e sostenuto dalla semplice pubblicità che compare tra gli annunci.

Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.





Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie