Contributi a fondo perduto: i finanziamenti per la Sardegna

I contributi a fondo perduto sono tra gli strumenti più importanti per favorire lo sviluppo del territorio. Negli ultimi anni, purtroppo, i finanziamenti di questo tipo sono stati erogati con sempre maggiore difficoltà. Da un lato i fondi stanziati sono sempre minori, dall'altro vi è stata una crescente difficoltà da parte delle regioni a veicolare questi finanziamenti a fondo perduto verso le aziende locali.

La Sardegna, in questo senso, è una regione piuttosto ben messa. In questi giorni, poi, sono state comunicate le nuove norme per l'erogazione di contributi a fondo perduto per il turismo. Si tratta di un bando europeo rivolto a tutte le persone fisiche e piccole società agricole o legate al turismo, sia operative nella zona costiera che nell'entroterra.

Si tratta di finanziamenti agevolati particolarmente interessanti perchè vanno a sostenere 2 settori, quello agricolo e quello turistico, di fondamentale importanza per la nostra regione. Un aspetto molto importante legato a questi contributi a fondo perduto è quello relativo alla domanda di richiesta che può essere presentata anche da istituti di formazione e scuole superiori, andando a coinvolgere così i ragazzi più giovani, ossia quelli più colpiti da questa crisi del lavoro.

I finanziamenti a fondo perduto, come abbiamo detto, rappresentano uno degli strumenti più importanti per sviluppare e sostenere l'economia del territorio. Ma come funzionano esattamente? Per avere un'idea approfondita di come funzionano questi contributi agevolati puoi leggerti questa guida sull'argomento: http://www.prestitisbp.com/prestiti-fondo-perduto-finanziamenti/460/ .

Ti basti sapere, comunque, che i finanziamenti di questo tipo prevedono la possibilità di non rimborsare interamente, o una parte, del credito ricevuto. Mentre con un normale prestito bancario si è costretti, ovviamente, a rimborsare sia il capitale che la quota degli interessi, con i contributi a fondo perduto vi è la possibilità di rimborsare solo una quota del capitale senza gli interessi. 

Proviamo a fare un esempio pratico. Ipotizziamo di voler avviare una piccola attività e di ottenere un finanziamento a fondo perduto di 50 mila euro al 50%, con rimborso a 5 anni. Questo significa che andrò a pagare rate di rimborso per coprire solo il 50% del capitale (nel caso dell'esempio 25 mila euro) senza dover far fronte all'ulteriore 50% e alla quota capitale.

La parte a fondo perduto viene considerata, appunto, un contributo per favorire lo sviluppo delle micro imprese sul territorio. Quello che ci auspichiamo, per i prossimi anni, è un impegno sempre maggiore della regione per poter far conoscere queste opportunità (si tratta per lo più di fondi europei) che possono fare davvero la differenza su un territorio come quello sardo, dove le opportunità di lavoro per i più giovani ci sono, ma sono sempre più complesse da portare avanti, senza aiuti dal punto di vista finanziario.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon