Sarda News - L'Unione delle Ultime notizie dalla Sardegna


Diabete, gli sos di 40mila cagliaritani: “Pochi sensori, costretti a pungerci e pagare le visite”

Sono tanti i diabetici a Cagliari e provincia. In un’Isola con “circa 110mila casi” accertati, tra capoluogo e hinterland vivono “quarantamila” persone costrette a convivere con una malattia tutt’altro che semplice e che stravolge le vite. E, a ridosso della “Giornata mondiale del diabete”, si alza ancora una volta la voce dei rappresentati delle associazioni che tutelano i diabetici. I problemi? Pochi, ma ormai troppo datati. Fausta Mulas, 47 anni, fa parte dell’associazione “Diabete Cagliari” e si confronta, ogni giorno, con tantissimi malati: “Domani ci sarà la possibilità di fare degli screening al San Giovanni di Dio, un appuntamento molto importante. Negli ultimi anni ci sono tanti bambini diabetici in più, e tra le cause c’è anche la cattiva alimentazione. Non bisogna però dare le colpe ai genitori, va ricordato che il diabete è una malattia genetica”. E le lamentele? Ci sono, purtroppo: “Molte diabetologie stanno chiudendo, esistono pochi centri e non c’è un incremento di figure professionali fondamentali quali podologi, psicologi e dietologi. Spesso e volentieri, quando ci sono delle complicanze, bisogna pagare per farsi visitare dai privati”. Spiccano soprattutto gli uomini e le donne affetti dal diabete di “tipo 2”, con l’ulteriore problema che “per molti di loro si tratta solo di dover tenere sotto controllo l’alimentazione”, ma con l’assenza di figure mediche di riferimento “poi uno tende a lasciarsi andare”.

 

Sui sensori glicemici, poi, la battaglia dei diabetici cagliaritani è continua: “La loro distribuzione non è omogenea, non ce ne sono per tutti e non esiste una preparazione da far fare al paziente per l’utilizzo”, attacca la Mulas. “Molti di noi sono ancora costretti a pungersi, inclusi i bambini. E si sa perfettamente che, per molti bimbi, doversi pungere sei, otto o anche dieci volte può risultare molto pesante”.

L'articolo Diabete, gli sos di 40mila cagliaritani: “Pochi sensori, costretti a pungerci e pagare le visite” proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu On Line

Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it è un portale web privato, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, non si paga l'accesso al sito grazie al fatto che è autofinanziato e sostenuto dalla semplice pubblicità che compare tra gli annunci.

Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser.
Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Le Ultime Notizie



Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

https://www.EuAutoPezzi.IT