Sarda News - Notizie in Sardegna


Pro Alice, la poesia in sardo per la piccola scomparsa: “Deus t’at creffiu a su fiancu sou, ca teniat bisonzu de un anghelu nou..”

PRO ALICE
Alice, nomene de immensu valore, chi as fattu riflettere su mundu intreu, a cumprendere sa forza e su dolore, a t’ammentare in sas oras de anneu, ca cussu sorrisu de creatura minore, a tentu sas folzas chi l’at donau Deu, nois pensare la devimos cun onore, chi nos at dau leziones de amore. “A”, est sa primma littera de Alice, nos faghe pensare subitu a s’amore, cun custu sa zente as resu felice, e as fattu colmare cussu dolore, cun sa manu de Deus redentrice, as tentu sas folzas da etade minore, nois amore meda devimos dare, comente Alice sighimos ad amare. ”L” invece est sa segunda littera, cosas feas mi enin a sa mente, una cosa isco chi est sinzera, ca este una cosa sufferente, ispero chi bi siet sa manera, de no faghere suffrire attera zente, s’isperanzia la auguro da innoghe, e Deus chi l’intendat custa oghe. ”I” comente incantare nos as fattu, cun su visu angelicu e incantevole, de sa natura unu fine trattu, chi Deus nos at donau benevole, ma su destinu crudele e misfattu, no est bistau meda favorevole, tue de s’incantu abbarras s’insigna, ca ses s’istella de totta sa Sardigna. ”C” su coraggiu mi enit a pensare, dote valorosa po s’umana zente, bi n’de cheret meda po gherrare, in battaglias chi no s’ch’essit binchente, ma a chie eniat in conca de pensare, de n’de essire da sa gherra perdente, su coraggiu tou devimos ammirare, ca po a tie sighimos a gherrare. ”E” tantos sentimentos mi pioene, tipu s’essenza, de sa nostra vida, chi serrada est in custu nomene, e in su coro cun calchi ferida, si sos coros po amore si movene, chere narrer chi bi sese resessida, de sa vida tenimos un attera visione, grazie Anghelu po custa lezione. Cussos ojos de colore cristallinu, chi ana incantau sa Sardigna intrea, ma boltas difficile este su destinu, chi nos faghe patire d’onzi pelea, sos coros nostros palpitana in sinu, ca ses bolada in chelu che una Dea,Deus t’at creffiu a su fiancu sou, ca teniat bisonzu de un anghelu nou. Caru destinu, deo ti dimando, una cosa ebbia chelzo ischire, si si naschit ebbia po suffrire, e si suffrire si devet,dae cando? Naramilu como, puitte tue tando, cuss’innocente nos

Fonte: Casteddu on Line


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.




Sardanews.it è un portale web privato, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, non si paga l'accesso al sito grazie al fatto che è autofinanziato e sostenuto dalla semplice pubblicità che compare tra gli annunci.
Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser.






Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

Booking.com