sardanews

Scontro a Santa Maria di Pisa: interviene il sindaco

Il primo cittadino di Sassari Nicola Sanna assicura l´impegno dell´Amministrazione comunale nel rafforzamento delle azioni di controllo e nella messa in campo di ulteriori azioni volte al dialogo con la comunità residente e con le comunità ospiti

image

SASSARI - Il sindaco di Sassari Nicola Sanna è intervenuto dopo lo scontro registratosi ieri (sabato) a Santa Maria di Pisa tra sassaresi e migranti. Il primo cittadino assicura l'impegno dell'Amministrazione comunale nel rafforzamento delle azioni di controllo e nella messa in campo di ulteriori azioni volte al dialogo con la comunità residente e con le comunità ospiti.

«È convocato per martedì 31 ottobre un tavolo del Comitato Ordine e sicurezza, che vedrà riuniti Comune, Prefettura e Forze dell’ordine - dichiara Sanna - Ci impegniamo fin d’ora al necessario rafforzamento delle azioni di controllo, che sono già in essere, a tutela dell'incolumità di tutti, residenti e migranti. Sassari è una città solidale, che rifugge da atteggiamenti discriminatori e lo ha dimostrato gestendo in maniera ottimale la fase di emergenza cui ha dovuto far fronte in un quadro di straordinaria emergenza nazionale. Ma ci rendiamo conto che la presenza di migranti sul territorio è oggettivamente superiore al numero previsto dall’accordo recentemente sottoscritto da Anci e Ministero dell’Interno. Presenteremo il problema al Ministero, chiedendo la riduzione delle presenze sul territorio comunale, e confidando anche nella disponibilità all'accoglienza degli altri comuni della Provincia».

«Siamo impegnati - continua il sindaco - per regolare la coabitazione tra la cittadinanza sassarese e i migranti o rifugiati. Per questo sappiamo di poter contare sulla collaborazione degli operatori dei centri di accoglienza, fondamentali per instaurare un dialogo con le comunità ospiti. Ma siamo anche convinti che siano quanto mai necessari momenti di dialogo con la cittadinanza sassarese, che portino a una maggiore comprensione del delicato momento storico che stiamo vivendo. Atteggiamenti di intolleranza, di irresponsabile aderenza ad atti ostili e provocatori, come spedizioni punitive o lancio di bombe carta, non fanno parte del senso civico collettivo della nostra città. A quelle forze politiche che contraddittoriamente si richiamano a principi cristiani e soffiano, invece, sul fuoco dell'intolleranza, chiediamo cautela e senso di responsabilità. Chiediamo di cooperare alla gestione di un fenomeno inedito ed epocale, per evitare che episodi come quello appena accaduto possano minare i solidi principi di solidarietà umana e le politiche di coesistenza pacifica nazionale».

Nella foto: il sindaco di Sassari Nicola Sanna

Commenti

Vedi su Alguer.it