sardanews

esordio casalingo per la Gabetti

La compagine algherese scenderà per la prima volta sul parquet del PalaManchia nel campionato di Promozione maschile. Domenica, gli avversari saranno la Mistral Fortitudo Olbia

image

OLBIA – Domenica 29 ottobre, la Gabetti Alghero giocherà la prima gara casalinga in un campionato di Federazione italiana pallacanestro. La squadra di patron Salteri, che partecipa alla competizione di Promozione maschile, nella terza giornata sfida la Mistral Fortitudo Olbia. I ragazzi di coach Andrea Cardone devono archiviare in fretta la scorsa sconfitta in trasferta e presentarsi al match carichi e concentrati, forti del calore del proprio pubblico tra le mura amiche.

La Mistral Fortitudo è il neonato progetto cestistico gallurese che unisce due storiche società, la Mistral Olbia e la Fortitudo Golfo Aranci, presieduto da Antonio Luciano. Entrambi i sodalizi vantano una storia più che decennale nei campionati di serie D e di Promozione ed oggi si presentano sotto la nuova veste con un roster a dir poco competitivo. Infatti, coach Alessio Lai ha a disposizione il perfetto connubio tra atleti giovanissimi ed alcuni over30 di esperienza. La squadra vanta anche una delle età medie più basse del campionato grazie al prestito di ben cinque under19 provenienti dalla società della famiglia Datome, la Santa Croce Olbia. Il punto di forza nel gioco costruito da Lai è sicuramente l'aspetto corale, tanto che nell'ultima giornata la Mistral Fortitudo ha mandato a referto in doppia cifra cinque giocatori.

Per quanto riguarda i rossi della Rivera del corallo, coach Cardone recupera il play Stefano Nieddu, mentre è ancora incerta la partecipazione di Mohamed Sissoko. Infatti, il tesseramento del centro maliano in Italia con protezione umanitaria ha superato il via libera della Fip e ora la società aspetta con ansia il nullaosta definitivo dalla Fiba, l'ente che gestisce il basket internazionale. La sfida tra Gabetti Alghero e Mistral Fortitudo Olbia (palla a due prevista per le 18), verrà diretta dai signori Solinas e Bortolato.

Commenti

Vedi su Alguer.it