sardanews

«Sardegna patria delle start up»

A dirlo è stato l´assessore regionale della Programmazione Raffaele Paci, portando il saluto della Regione autonoma della Sardegna alla quinta edizione del Contamination Lab dell’Università degli studi di Cagliari. «L´innovazione è la strada giusta per creare sviluppo», ha concluso

image

CAGLIARI - «La Sardegna oggi è la patria delle start up e dell’innovazione tecnologica, che è il collante di tutto il sistema economico. Abbiamo costruito un ecosistema molto importante nel quale Regione, Università, imprese, venture capital giocano ruoli strategici e il Contamination Lab continuerà ad alimentare questo ecosistema che sta dando chiara indicazione per il nostro futuro: puntare su tradizione e innovazione, una grande e forte identità con solide radici che dobbiamo continuamente ammodernare con l’innovazione tecnologica». L’ha detto l’assessore regionale della Programmazione Raffaele Paci portando il saluto della Regione autonoma della Sardegna alla quinta edizione del Contamination Lab dell’Università degli studi di Cagliari, aperto dal rettore Maria Del Zompo e dal direttore Chiara Di Guardo, che si chiuderà ad aprile 2018, con la proclamazione dei progetti vincitori.

Il CLab è un luogo di contaminazione tra studenti di discipline diverse e ha lo scopo di promuovere la cultura dell'imprenditorialità, dell'innovazione e del fare, l'interdisciplinarietà e nuovi modelli di apprendimento. «Questo è un laboratorio nel quale la Regione crede moltissimo e che sta finanziando come fa con molte attività dell’Università, che è l’unica vera fucina dello sviluppo perché è solo dal capitale umano che si produce l’innovazione. Un percorso fantastico - aggiunge Paci - perché mette insieme idee diverse, e non c’e dubbio che la contaminazione è l’aspetto più importante per produrre innovazione insieme al fare rete. E più le competenze sono diverse, più la squadra è varia, più la contaminazione può diventare idea d'impresa, andare avanti e creare sviluppo».

«Il CLab di Cagliari ha avuto grande successo, premi e riconoscimenti importanti non sono a livello nazionale ma anche europeo, è diventato il coordinatore della rete dei contamination lab italiani: la Regione continuerà a finanziarlo - conclude l'assessore regionale della Programmazione - e siamo certi che da qui, dall’entusiasmo e dalla curiosità di tanti giovani nasceranno start up e imprese innovative che porteranno ricchezza e occupazione in tutta la Sardegna».

Nella foto: un momento dell'intervento di Raffaele Paci

Commenti

Vedi su Alguer.it