sardanews

In Piazza d’Italia a favore dello Ius Soli

Il diritto alla cittadinanza: questo sarà il tema del flash mob organizzato dai Giovani Democratici di Sassari e da altre associazioni, movimenti e partiti che da tempo si occupano di temi che riguardano i diritti. L´evento, che si terrà oggi pomeriggio, mira a fare chiarezza sulla proposta di legge che attende da tempo e con tentennamenti in Senato la sua approvazione definitiva

image

SASSARI - Il diritto alla cittadinanza: questo sarà il tema del flash mob organizzato dai Giovani Democratici di Sassari e da altre associazioni, movimenti e partiti che da tempo si occupano di temi che riguardano i diritti. L'evento, che si terrà oggi pomeriggio, mira a fare chiarezza sulla proposta di legge che attende da tempo e con tentennamenti in Senato la sua approvazione definitiva.

«Pensiamo che la legge sullo Ius Soli debba arrivare ad approvazione entro questa legislatura: lo attendiamo, perché è una legge di civiltà ed è una legge giusta di cui il Paese ha bisogno. Crediamo che nessuna tattica possa giustificare un rinvio dell’approvazione a chissà quando. Riteniamo – proseguono i Giovani Democratici - sia una battaglia che vale la pena sostenere, in quanto passo significativo verso una società accogliente e tollerante, che arricchirà il Paese di un ulteriore patrimonio umano e di culture che si uniranno al grande lascito che la sua lunga storia gli ha già donato».

«Troviamo assurdo che oggi un bambino nato in Italia da genitori stranieri debba aspettare i diciotto anni per richiedere la cittadinanza italiana e per poter godere degli stessi diritti ed opportunità dei suoi coetanei. Per tutte queste ragioni, abbiamo deciso di spiegare in piazza in cosa consiste la riforma dello Ius Soli e di dare voce ai tanti “cittadini-stranieri” che vivono nel nostro territorio. Per l’occasione, abbiamo creato l’hashtag #nonpiùsoli che faremo girare sui social durante l'evento. Ci vediamo dunque in Piazza d’Italia giovedì 26 ottobre, alle ore 18.30, e chiediamola massima partecipazione di associazioni, reti, partiti, soggetti, individui che sentano come propria questa battaglia di civiltà e rispetto. Sullo ius soli non molliamo, questo è il momento», concludono.

Commenti

Vedi su Alguer.it