sardanews

ENERGHIA, Indipendentismo contro industria pesante, ma sa di cosa parla?

image C’è un nuovo indipendentismo che avanza. Perciò, in vista delle prossime Elezioni regionali, anche il neo indipendentista Anthony Muroni prosegue i suoi incontri per la Sardegna in cerca di qualche voto.

Ripetendo, tra le altre cose, il nauseabondo mantra dell’autodeterminazione, lo scorso 20 ottobre a Sarroch, Muroni si è spinto oltre, pianificando un modello di sviluppo che non continui con l’industria pesante: “Senza un  modello di sviluppo nostro, tra tre decenni la Sardegna sarà un non luogo. Se si continua con l’industria pesante si continua a fare il deserto. E si decreta la morte per i nostri figli e nipoti”. L’industria pesante normalmente comprende l’insieme delle industrie meccaniche, siderurgiche e metallurgiche del territorio, pertanto, non si comprende a che tipo di industria pesante si riferisca. Oltretutto, riferendosi a una platea di anziani, anche perché giovani e meno giovani a Sarroch lavorano e vivono grazie agli stipendi della Saras, che direttamente o indirettamente distribuisce reddito anche per tutti gli altri settori dell’economia che ruotano intorno ad essa: si pensi ai servizi mensa, trasporto operai, imprese di manutenzione ecc.

Ad avere una visione della realtà industriale della Sardegna forse l’unica industria pesante ancora rimasta è la Saipem del gruppo Eni, che attualmente sembra avere commesse per la costruzione di impianti e strutture per piattaforme petrolifere fino a febbraio 2018, dopo tale data è ormai molto probabile che suonino le campane a morto anche per l’unica realtà industriale ogliastrina rimasta. Ammortizzatori sociali in scadenza anche per la Keller, altra realtà industriale fallimentare che si è dedicata in passato alla costruzione, manutenzione e ristrutturazione oltre che allestimento di carrozze e vagoni ferroviari. Inutile citare i poli petrolchimici di Portovesme, Porto Torres e Ottana, da anni ormai allo stremo, quasi non se ne parla neanche più, e sono i deserti a cui Muroni probabilmente si riferisce.

Riflettendo ulteriormente sulle parole dette a Sarroch,  Muroni probabilmente intendeva proprio ipotizzare ancora una volta la chiusura dell’unica realtà industriale valida rimasta in Sardegna, e che vale circa il 30% del Pil sardo, rappresentando per il sud Sardegna una delle poche alternative lavorative agli impieghi pubblici (amministrazioni, scuole, sanità) e ai servizi collegati. Ovviamente, non si propongono sistemi economici alternativi, ma si cavalca soltanto qualche tifoso dell’ambientalismo ideologico e della decrescita felice. La Sardegna ha più bisogno di giornalisti indipendenti, di indipendentisti ce ne sono già abbastanza.

Energhia

(admaioramedia.it)

Fonte: Admaioramedia