sardanews

Settimana conclusiva per La Vida Rustiga

La mostra organizzata dal Centre Excursionista de l´Alguer si potrà visitare gratuitamente fino a domenica 29 ottobre nella sala espositiva de Lo Quarter

image

ALGHERO - Settimana conclusiva per La Vida Rustiga del Centre Excursionista de l'Alguer a Lo Quarter. La mostra si potrà visitare gratuitamente sino a domenica 29 ottobre presso la sala espositiva. Mercoledì, si è conclusa la seconda edizione del Corso sulla panificazione curato da Antonio Farris, con l'obiettivo di divulgare l'importanza dei pani tradizionali e dei benefici dati dalla lievitazione con l'uso de la madriga.

Domani, venerdì 27 ottobre, alle 18.30, al secondo piano de Lo Quarter, Toni Torre propone la conferenza “La fauna dels vertebrats de les zones agrícoles del territori de l'Alguer”. Torre, delegato ad Alghero del presidente dell'Institut d'estudis catalans, di cui è membro per la sezione di Scienze biologiche, affronterà la tematica nel catalano di Alghero, supportato dalle slide in italiano. La conferenza metterà in risalto l’importanza che le aree agricole del territorio svolgono per la riproduzione e l’alimentazione di molte specie di vertebrati terrestri. Inoltre, verrà trattato il tema molto attuale delle specie considerate nocive per le attività agricole.

Sabato 28, alle 18.30, la poesia sarà la protagonista con le letture del rapsode Pere Lluís Alvau “Passejant en versos per camins i camineres”. Da tempo, Alvau dedica la sua attività alle letture poetiche, come la stagione dei Lunedì della poesia. Per il recital che ha preparato per l'occasione, Alvau ha ricercato testi poetici di autori algheresi che trattassero argomenti legati al mondo della campagna, del lavoro nei campi e della vita all'aperto in maniera più ampia. Tra i tanti autori, Rafel Catardi, Ramon Clavellet, Rafel Caria, Antoni Canu e Francesc Manunta.

Domenica 29, alle 18.30, serata di canzoni della tradizione algherese, con il concerto di Angel Maresca Lo Barber. Per questo evento, Maresca ha scelto canzoni proprie e di altri autori algheresi che ricordassero Alghero degli ortolani e più in generale delle donne e degli uomini che hanno lavorato la terra. Tra le altre, “La Verema” di Pasqual Gallo, “Collidores de oliva” di Antoni Cao, la tradizionale di autore anonimo “Lo Crino”, che Maresca ha voluto includere nel disco “Cants, Històries”, presentato quest'anno. La manifestazione ha il patrocinio del Comune di Alghero e della Fondazione Meta.

Commenti

Vedi su Alguer.it