sardanews

Il cinema di Antonio Simon Mossa a Sassari

Dall´esperienza del Cineguf a Proibito. Proseguono gli eventi e le manifestazioni per il ritrovamento dell´archivio cinematografico di Antonio Simon Mossa, affidato dalla famiglia Simon alla Società Umanitaria-Cineteca Sarda nel 2015

image

SASSARI - Proseguono gli eventi e le manifestazioni per il ritrovamento dell'archivio cinematografico di Antonio Simon Mossa, affidato dalla famiglia Simon alla Società Umanitaria-Cineteca Sarda nel 2015. Un patrimonio preziosissimo, che rivela un Simon Mossa inedito, si potrà scoprire durante il convegno “Il cinema di Antonio Simon Mossa: dall'esperienza del Cineguf a Proibito”, in programma venerdì 27 ottobre, alle 10, nell'Aula A del Dipartimento di Storia, Scienze dell'Uomo e della Formazione all' Università degli studi di Sassari, in Via Zanfarino 62.

Dopo i saluti del direttore del Dipartimento Marco Milanese, presenteranno il progetto Giuseppe Mascia (Società filosofica italiana della sezione universitaria di Sassari) ed Alessandra Sento (direttrice Società Umanitaria Alghero). Nel corso del convegno, interverranno Andrea Mariani (Università degli studi di Udine), Simone Ligas, Joseph Pintus ed Alessando Doneddu (Società Umanitaria Sardegna), Riccardo Campanelli (docente di Fotografia e Cinematografia), Antonello Nasone (Società filosofica italiana, sezione universitaria di Sassari). Si proseguirà con Luca Delogu-Graphicart, che presenterà il marchio ed il sito web “Archivio Simon Mossa”.

Durante l'evento, è prevista la proiezione del filmato “Antonio Simon Mossa”, a cura di Antonello Carboni. Si chiuderà con i saluti e le riflessioni di Pietro Simon. Sempre a Sassari, alle 17, gli interessati potranno spostarsi nell'Aula Magna dell'Accademia di Belle arti Mario Sironi, in Via Duca degli Abruzzi 4, per la proiezione di uno dei film in cui lavorò Simon Mossa, “La donna del peccato”, di Harry Hasso (Italia 1942, 80'), introdotto da Antonio Bisaccia (Accademia di Belle arti Mario Sironi) e da Andrea Mariani (Università di Udine).

Commenti

Vedi su Alguer.it