sardanews

Ospedali: Pigliaru, aumenta la qualità

image

(ANSA) - CAGLIARI, 25 OTT - "Una riforma fatta non per tagliare i costi ma per migliorare la qualità del servizio".    Così il governatore Francesco Pigliaru ha illustrato il testo di riordino della rete ospedaliera appena varato dal Consiglio regionale e ha presentato il nuovo logo della riforma: "La sanità che cambia". Presenti l'assessore Luigi Arru e il presidente dell'Assemblea Gianfranco Ganau. Una riforma, ha sottolineato Pigliaru, "che gli altri avevano solo annunciato e che noi, con coraggio, abbiamo realizzato a completamento di quella dell'Azienda per la tutela della salute".    Una riorganizzazione che "consentirà, a regime, di risparmiare tra i 135 e i 140 milioni di euro", ha puntualizzato Arru. Dopo che il testo sarà ricontrollato dagli uffici del Consiglio, entro 30 giorni sarà inviato al ministero della Salute per verificare la compatibilità con il decreto 70. La riforma esce dall'Aula molto cambiata rispetto al testo originale della Giunta. Modifiche "necessarie", secondo il titolare della Sanità. Il ministero potrebbe fare delle osservazioni, anche se Arru non lo ritiene probabile. "Quella che abbiamo approvato è una riforma nostra, che deroga molto al dm 70", ha aggiunto il presidente della commissione Sanità Raimondo Perra. "Una riforma equa, che progetta percorsi di salute dal centro alle periferie", ha sottolineato uno dei relatori di maggioranza, Gigi Ruggeri. "Il nostro impegno è quello di verificare se le cose funzioneranno - ha precisato il capogruppo Pd Pietro Cocco - pronti in caso a ridiscutere e modificare il testo". Soddisfatto il capogruppo dell'Upc, Pierfranco Zanchetta: "Per il punto nascita del Paolo Merlo di La Maddalena si parlava di dismissione, invece il servizio è salvo, con l'aggiunta della camera iperbarica e di 3 posti in Pediatria". Il capogruppo di Art 1-Sdp, Daniele Cocco, ha ricordato la necessità di nominare il capo dell'Areus e di procedere alla riforma della rete di assistenza territoriale.    Infine Ganau ha espresso "soddisfazione per come ha lavorato il Consiglio, maggioranza e opposizione comprese, per un risultato storico. La riforma è partita male, inizialmente raccontata in modo terroristico, invece nessun ospedale ha chiuso".(ANSA).   

Fonte: Ansa