sardanews

Auto: troppi veicoli in pessimo stato

image

Sono 3.023 le imprese dell'autoriparazione che in Sardegna gestiscono la manutenzione di 1.023.462 veicoli civili. L'82,2% delle aziende registrate alle Camere di Commercio, ben 2.513 realtà, sono artigiane. E' quanto emerge dal dossier sull'Autoriparazione realizzato dall'Osservatorio per le Micro e Piccole Imprese di Confartigianato Imprese Sardegna su fonte UnionCamere-Infocamere e Annuario Statistico ACI 2017. Per l'ottavo anno consecutivo il bilancio tra aperture e chiusure (2017 su 2016) è risultato negativo con un saldo finale di meno 11 imprese attive (-0,8%), in calo rispetto allo scorso anno (-1,37%).    Una situazione critica si registra anche nei territori: nell'ultimo anno la provincia di Oristano ha perso il 2,8% delle imprese artigiane (-6 aziende), seguita da Sassari con -1,3% (-11), Nuoro con -0,4% (-2) e Cagliari con -0,2% (-2). A livello nazionale il decremento registrato è stato dell'1,0 % (-733).    Abusivismo e concorrenza sleale i mali cronici del settore. Ma c'è anche la crisi: i sardi - dice Confartigianato - tendono a rinviare l'appuntamento con il meccanico. "Dai nostri artigiani riceviamo, sempre più spesso, segnalazioni di autovetture in condizioni critiche causa la scarsa manutenzione - sottolinea Antonio Matzutzi, presidente di Confartigianato Imprese Sardegna - anche se sono formalmente in regola grazie alle revisioni, il loro stato d'uso è preoccupante". Inoltre, gli autoriparatori, sempre più frequentemente, ricevono richieste di riparazioni al ribasso da clienti che forniscono loro anche i pezzi di ricambio, alterando, in maniera significativa, il tradizionale rapporto tra automobilista e autofficina. "I veri professionisti dell'autoriparazione non stanno accettando queste condizioni - spiega Matzutzi - e si rifiutano di eseguire riparazioni contrarie alle specifiche prescrizioni tecniche di settore o che compromettano le condizioni minime di sicurezza attiva del veicolo".   

Fonte: Ansa